22 febbraio 2011 La rivoluzione del ‘porta a porta’

Il 25 marzo anche a Palestrina verrà avviato il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta. Per il servizio la Provincia di Roma ha investito più di 650mila euro. Il porta a porta coprirà gli oltre 20mila abitanti del Comune alle porte della capitale. Nicola ha presentato l’iniziativa con il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini: la Regione infatti eroga parte dei fondi che Palazzo Valentini utilizza per la raccolta differenziata. A Palestrina la Provincia ha finanziato anche la realizzazione dell’ isola ecologica, con uno stanziamento di 171mila euro.

Il porta a porta arriverà così a Palestrina dopo l’avvio del servizio promosso nei comuni limitrofi di Ciampino, Ariccia, Zagarolo, Monteporzio Catone, Rocca di Papa e Grottaferrata, grazie al quale e’ stato possibile ridurre la produzione dei rifiuti e il relativo conferimento in discarica fino a percentuali del 68,8% (Ciampino), 61% (Ariccia), 64,8% (Zagarolo). La raccolta porta a porta verrà svolta attraverso 5 frazioni di raccolta e cioè: plastica e metalli, carta e cartone, umido, vetro, indiffirenziato.

Dal giugno del 2008 ad oggi la Provincia di Roma ha finanziato nuovi progetti di raccolta porta a porta per 56 Comuni, con investimenti pari a 24 milioni di euro. Oggi 400mila persone sono raggiunte dal servizio, sono stati finanziati progetti per estenderla a 850mila abitanti e la Provincia si è posta l’ obiettivo di coinvolgerne oltre 1 milione entro il 2012.

“La differenziata – ha detto Nicola – coinvolge i cittadini, ed è importante la perfetta sinergia che stiamo avendo in questo campo con la Regione Lazio. Noi ci crediamo insieme perché quando si tratta del bene della comunità non ci sono colori politici ”.

“La Provincia di Roma – ha aggiunto Nicola – si candida ad essere l’area del Centro-sud più avanzata per la raccolta differenziata. Ciò che e’ avvenuto da quando ci siamo insediati è rivoluzionario: siamo partiti da 27mila cittadini che facevano raccolta differenziata e oggi sono oltre 400 mila, abbiamo finanziato progtti nei comuni per 850 mila persone ma il nostro obiettivo è coinvolgerne oltre 1 milione per il 2012. In nessun angolo d’Italia si registra un incremento di questo tipo. Dal riciclaggio si può produrre ricchezza trasformando il rifiuto in risorsa. Un’ altra sfida è ridurre la produzione di rifiuti, per questo premieremo economicamente i Comuni che utilizzeranno materiale riciclato durante le feste o sagre e per questo vogliamo investire con le pmi sul nostro territorio per realizzare un sistema industriale che produca beni da prodotti riciclati dai Comuni”.

“Presto l’80% delle scuole secondarie di Roma e provincia – ha poi annunciato Nicola – diventeranno autonome nell’ approvvigionamento energetico grazie agli impianti fotovoltaici che stiamo installando. Non succede in Svezia o Svizzera ma dobbiamo essere orgogliosi che succeda qui”.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica