1 settembre 2011 50milioni per la viabilità

Sopralluogo di Nicola nei cantieri del “Nodo di Ponte Lucano”, a Tivoli, e della “Nomentana bis”, a Fontenuova, due interventi che prevedono un investimento complessivo di circa 50 milioni di euro.

Per Nicola, che ha annunciato un nuovo sopralluogo prima del periodo natalizio, “non è possibile che le uniche strade importanti siano quelle fatte dai romani: la residenzialità è cambiata e occorre investire per rendere più civile la qualità della vita e l’ entrata e l’ uscita da Roma”.

Nicola si è soffermato soprattutto sulla Nomentana bis: “E’ un’opera storica, una tra le più importanti realizzate negli ultimi 50 anni a Roma”.

Con il progetto “Nodo di Ponte Lucano”, l’Amministrazione provinciale è impegnata nella costruzione di un complesso sistema di svincoli e nuove rotatorie tra la Tiburtina e la strada provinciale Maremmana inferiore, nei quartieri di Villa Adriana e Villanova di Guidonia. In particolare, verrà realizzato un nuovo tratto stradale tra la Tiburtina e la Maremmana inferiore, un ponte sul fiume Aniene lungo circa 300 metri, uno svincolo a livelli sfalsati, predisposto per la futura viabilita’ a 4 corsie della stessa Tiburtina, tre nuove rotatorie e una pista ciclabile.

L’intervento, finanziato dalla Provincia di Roma con circa 25 milioni di euro, consentirà ai residenti dell’area tiburtina e della sabina Romana, un bacino demografico superiore a 300mila abitanti, di raggiungere velocemente l’autostrada A24 Roma-L’Aquila, evitando i quotidiani ingorghi in prossimità dei centri abitati di Villa Adriana e Villanova di Guidonia. Iniziata nel 2010, la conclusione dell’opera è prevista nel 2013.

L’altro cantiere visitato è quello della Nomentana bis, a Fonte Nuova, la nuova arteria stradale lunga

circa 4 km destinata a decongestionare le località di Tor Lupara, Parco Azzurro, Colleverde e S. Lucia. La strada, finanziata con circa 25 milioni, inizia in corrispondenza della rotatoria di innesto sulla Bretella Nomentana-Centrale del Latte (in località Capobianco) e termina in via Manzoni, all’ iniziodel centro abitato di Fontenuova.

Larga 7 metri, 3,5 metri per ogni senso di marcia, comprende due svincoli in corrispondenza di via Monte Bianco e di via Tor Sant’ Antonio e attraversa in galleria artificiale la zona del Villaggio Betania. L’opera comprende anche la costruzione di 3 viadotti, una galleria artificiale, 3 rotatorie, 3 sottopassi e 3 sottovia. Il viadotto più lungo, di 155 metri, è quello di Tor Sant’ Antonio. Con la Nomentana bis, sarà estremamente agevole per i residenti dei comuni di Fontenuova, Guidonia, Mentana, e area Sabina, un bacino demografico di circa 250mila residenti, raggiungere il Raccordo anulare e la Capitale. Non dovranno più attraversare gli incroci di Colleverde, Parco Azzurro e il centro abitato di Tor Lupara, evitando, come accade adesso, di perdere inutilmente tempo in code e ingorghi che nei momenti di più intenso traffico può essere superiore anche ad un’ora. La conclusione dei lavori è prevista per il 2012.

L’Amministrazione provinciale, inoltre, ha promosso la costruzione della bretellina Nomentana bis-Centrale del Latte, finanziata con altri 6,8 milioni di euro circa, per evitare l’incrocio a raso tra Nomentana bis e Palombarese.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica