16 dicembre 2011 LegaCoop entra a Porta Futuro Anche la Legacoop Lazio entra a Porta Futuro, l’innovativo centro per il lavoro e la formazione della Provincia. Così dopo il mondo delle imprese, anche quello della cooperazione offre una nuova opportunità a chi è alla ricerca di occupazione. Un passo avanti di chi vuole reagire alla crisi

Un protocollo d’intesa per le nuove e giovani cooperative. Accordo fra la Provincia di Roma e Legacoop Lazio per allargare al mondo cooperativo, dopo quello imprenditoriale, il sistema di ricerca del lavoro e offerta di formazione messo a disposizione da ‘Porta Futuro’, il centro per il lavoro della Provincia di Roma.

“L’imperativo – ha spiegato Nicola – è creare lavoro, produrre crescita economica, avviare nuove attività e investire nelle nuove generazioni. ‘Porta Futuro’ è nata per questo, e questo accordo con Legacoop vuole offrire alle nuove giovani cooperative un’opportunità per essere più solide, per arrivare all’avvio delle attività con una formazione e con un’organizzazione più concreta. È un passo di chi non guarda solo la crisi, ma di chi vuole reagire”.

“L’obiettivo – ha aggiunto Stefano Venditti, presidente di LegaCoop Lazio – è mettere in stretta relazione il lavoro di promozione dell’identità cooperativa e gli strumenti messi in campo dall’Amministrazione provinciale. Grazie a questo protocollo contiamo di migliorare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Le nostre cooperative sono sempre alla ricerca di strumenti di innovazione, e li abbiamo trovati all’ interno di questo protocollo. Vogliamo dare un segnale di ottimismo verso il futuro, nonostante la crisi”.

Il protocollo mette a disposizione ‘Porta Futuro’ per stage e corsi di formazione e offre, a chi vuole avviare un’attività, un’infrastruttura moderna che mette in contatto chi cerca lavoro con chi in questo campo vuole investire.

Ma c’è di più. Nicola ha ricordato l’impegno della Provincia nel campo della formazione: “Abbiamo lanciato un piano di lavoro – ha spiegato – che ci ha portato a cambiare i nostri strumenti per la formazione: il primo anno abbiamo aperto la Scuola per il Sociale, lo scorso anno la Scuola per i mestieri del Cinema e nel 2013 apriremo la Scuola per le professioni delle energie rinnovabili. In Italia – ha concluso Zingaretti – c’è un grande sviluppo delle rinnovabili, dal fotovoltaico all’eolico, e c’è bisogno di rafforzare tutte le attività professionali legate a queste energie”.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet