13 aprile 2013 Una task force per affrontare e risolvere il problema dell’arsenico nell’acqua Vogliamo lavorare prima di tutto alla creazione di una rete idrica conforme ai parametri delle acque potabili. Né l’agricoltura, né il turismo, né la vita dei cittadini della provincia di Viterbo possono andare avanti se non si affronta e risolve questa emergenza

Vogliamo rilanciare il territorio di Viterbo e della sua provincia.

Ma né l’agricoltura, né il turismo, né la vita dei cittadini possono andare avanti se non si affronta e risolve l’emergenza dell’arsenico nell’acqua.

Una vera e propria emergenza che vede la Regione in prima linea insieme al Ministero della Salute per individuare al più presto le soluzioni possibili.

Abbiamo creato una task force per programmare una serie di interventi e garantire in tempi brevi il rientro del livello di arsenico nell’acqua nei limiti previsti dalla legge. L’ultimazione di questi primi interventi è prevista per il 30 giugno 2013, secondo il programma condiviso con il Ministero della Salute e comunicato alla Commissione Europea.

Per uscire dalla questa fase di emergenza vogliamo lavorare prima di tutto alla creazione di una rete idrica conforme ai parametri delle acque potabili, con l’apporto del Gestore unico dell’ATO1 Talete Spa.

Sarà inoltre valutata la possibilità di incrementare gli attuali sistemi di monitoraggio dei livelli di arsenico presenti nelle acque e nei prodotti di largo consumo.

(foto di mondopiccolo)


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica