15 gennaio 2016 60 milioni per lo sviluppo rurale: una grande opportunità per tutto il mondo agricolo Biodiversità, attivazione di filiere, energia rinnovabile, turismo, inclusione di persone in difficoltà: si tratta di risorse concrete per una grande sfida trasversale che riguarda la tutela e la valorizzazione dei territori e dei sistemi urbani, la salute, l’ambiente, la qualità della nostra società

La nostra Regione può diventare un nuovo modello di valorizzazione della terra. Qui hanno sede i più importanti organismi internazionali che si occupano di nutrizione, Roma è la più grande area metropolitana a vocazione agricola d’Europa, e siamo anche la Regione in cui si trova una delle più importanti università agrarie d’Italia. L’agricoltura è una risorsa per l’intera regione e ora è tornata un grande attrattore.

Pronti a partire con la sfida del nuovo piano di sviluppo rurale. Il bando che presentiamo oggi apre la sfida del nuovo programma di sviluppo rurale. A disposizione ci sono 780 milioni di euro: 77 milioni in più rispetto alla precedente programmazione, una grande vittoria e una grande opportunità per il Lazio, frutto della trattativa svolta in sede di conferenza stato-regioni. Non è un caso se inauguriamo il nuovo anno con un’importante azione sull’agroalimentare: siamo convinti che questo settore sia un potente volano per lo sviluppo. Quest’anno lanciamo una sfida più ampia e più ambiziosa rispetto ai vecchi programmi a partire dal valore della nostra terra e dei suoi prodotti, sulla cultura dei luoghi, sulle vocazioni dei territori.

Ecco quali sono gli ambiti d’intervento previsti dal bando. I GAL, i gruppi di azione locale, che passano da 8 a 12, per i loro Piani di Sviluppo Locale (PSL), potranno scegliere al massimo tre tra i seguenti ambiti tematici previsti dall’Accordo di Partenariato 2014/2020:

  • sviluppo e innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali;
  • sviluppo della filiera dell’energia rinnovabile;
  • cura e tutela del paesaggio, dell’uso del suolo e della biodiversità;
  • valorizzazione e gestione delle risorse ambientali e naturali;
  • valorizzazione dei beni culturali e del patrimonio artistico legato al territorio;
  • accesso ai servizi pubblici essenziali,
  • inclusione sociale di gruppi svantaggiati e/o marginali,
  • riqualificazione urbana con creazione di servizi e spazi inclusivi per la comunità,
  • reti e comunità intelligenti,
  • diversificazione economica e sociale connessa ai mutamenti nel settore della pesca.

60 milioni per lo sviluppo rurale a disposizione dei gal, i gruppi di azione locale, che passano da 8 a 12. I piani di sviluppo dei Gal riguarderanno biodiversità; attivazione di filiere; energia rinnovabile; turismo; inclusione di persone in difficoltà. Una grande sfida trasversale che riguarda la tutela e la valorizzazione dei territori e dei sistemi urbani, la salute, l’ambiente, la qualità della nostra società.

Più velocità e programmazione nell’erogazione delle risorse: invertiamo una tendenza rispetto ai precedenti Psr, che lasciavano la misura sui Gal tra le ultime a essere attivate, costringendo poi a lunghe e faticose rincorse: partire subito significa poter condividere le scelte, intercettare meglio gli interlocutori, ottimizzare l’utilizzo delle risorse disponibili. Ora andremo avanti con un programma serrato: le proposte dei piani di sviluppo locale da parte dei Gal dovranno essere presentate entro il 31 maggio 2016 e la Regione dovrà selezionare e finanziare i Gal entro il mese di ottobre 2016.

Efficienza nell’utilizzo dei fondi la presentazione del bando sui Gal in tempi così rapidi è possibile grazie a un grandissimo lavoro dell’assessorato e delle strutture regionali. quando siamo arrivati eravamo agli ultimi posti in Italia per capacità di spesa dei fondi: oggi la regione lazio ha speso tutti i fondi Psr 2007-2013, circa 700 milioni di euro, senza rimandare indietro in Europa nemmeno un centesimo di euro. Nel 2015 le aziende agricole e gli operatori del mondo rurale hanno ricevuto aiuti e contributi erogati da Agea, l’agenzia per le erogazioni in agricoltura, per ben 142mln.

Per tutte info sul bando vai qui.

Ripartiamo da qui con una Regione presente, pronta a dare il proprio supporto alle realtà locali che vorranno aggregarsi attorno a progetti innovativi e concreti. Anche questa battaglia e questo impegno sono stati onorati. È una grande opportunità per tutto il mondo dello sviluppo agricolo e un risultato molto importante che abbiamo raggiunto.

 


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica