12 ottobre 2017 Al via il bando da 4,8 milioni di euro per sostituire le vecchia caldaie Mettiamo a disposizione contributi fino a 10mila euro che potrai usare per rottamare le vecchie caldaie a biomassa legnosa e sostituirle con innovativi generatori di calore, che non inquinano e ti fanno risparmiare! Il bando rientra negli interventi promossi e finanziati per tutelare e migliorare la qualità dell'aria e ridurre le emissioni di materiale particolato in atmosfera e nei centri urbani

Per difendere l’ambiente, lo abbiamo detto tante volte, serve una reazione forte, con nuovi investimenti e un piano d’azione serio. Noi lo abbiamo messo in campo agendo su diversi fronti, che vanno dal sostegno alla mobilità sostenibile all’acquisto di nuovi bus, dal potenziamento del trasporto su ferro all’efficientamento energetico degli edifici pubblici, fino al supporto alle imprese green. Molte azioni sono già attive.

Oggi entra nel vivo una delle più importanti del pacchetto “Aria pulita!”, l’investimento complessivo di circa 15 milioni di euro con cui sosteniamo una serie di interventi per difendere il territorio. Oggi presentiamo il primo bando con cui il piano “Aria Pulita!” entra nel vivo.

Il bando da 4,8 milioni sulla sostituzione caldaie:

Mettiamo a disposizione contributi fino a 10mila euro che potrai usare per rottamare le vecchie caldaie a biomassa legnosa e sostituirle con innovativi generatori di calore, che non inquinano e ti fanno risparmiare! Il contributo può essere usato anche per l’acquisto di pannelli solari termici.

E non è finita qui! Mettiamo a disposizione anche contributi fino a 2mila euro per l’installazione di elettrofiltri, cioè di sistemi che servono ad abbassare le emissioni degli impianti a biomasse legnose. I finanziamenti sono pari al 60% del totale della spesa. Possono accedere alle agevolazioni sia i soggetti pubblici che i privati.

I due interventi possono riguardare anche la stessa unità immobiliare comunque già dotata di impianto di riscaldamento, e coinvolgere più unità immobiliari di cui il beneficiario abbia la disponibilità documentata, purché si rispetti il principio 1 unità immobiliare = 1 intervento finanziato (caldaie + elettrofiltri).

Il costo del singolo intervento ammissibile non potrà comunque superare il valore di 10mila euro (se prevista la “sostituzione delle caldaie a biomassa legnosa”) e di 2.000 euro (se l’investimento prevede “installazione di elettrofiltri”). La Regione Lazio, sulla base di questi massimali di investimenti ammessi, concede un contributo a fondo perduto pari al 60%.

Le domande devono essere presentate esclusivamente per via telematica compilando il Formulario disponibile on-line sulla piattaforma GeCoWEB accessibile dal sito www.lazioinnova.it a partire dalle ore 12  del 17 ottobre 2017.
Il bando rientra negli interventi promossi e finanziati per tutelare e migliorare la qualità dell’aria e ridurre le emissioni di materiale particolato in atmosfera e nei centri urbani.

 


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet