13 febbraio 2015 “Bombardare Auschwitz: perché non è avvenuto?”. Ti aspettiamo alla presentazione del libro, il 16 febbraio Da anni ci si chiede perché gli Alleati non abbiano bombardato Auschwitz e distrutto la più orribile fabbrica di morte che l’umanità abbia mai conosciuto. Il Libro dello storico Umberto Gentiloni prova a fornire una risposta a questa domanda. Ne parliamo lunedì 16 febbraio, alle ore 20, al cento ebraico italiano il Pitigliani, in Via Arco de’ Tolomei 1 a Roma

Sono passati 70 anni dall’apertura dei cancelli del campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, ma ancora oggi sono tante le domande a cui gli storici cercano di dare una risposta. Una di queste è sul perché gli alleati scelsero di non bombardare il campo di sterminio nazista come tanti deportati speravano.

Bombardare Auschwitz, l’ultimo libro di Umberto Gentiloni, docente universitario di storia contemporanea e nostro delegato alla Memoria alla Regione Lazio,  è un tentativo di di spiegare «perché si poteva fare» e «perché non è stato fatto», perché non si è deciso di intervenire dal cielo evitando alla più grande fabbrica di morte di continuare a uccidere.

Un volume prezioso e arricchito dalle testimonianze di alcuni sopravvissuti: Piero Terracina, deportato da Roma, Shlomo Venezia, catturato a Rodi, e Elie Wiesel, Nobel per la pace. Sono testimonianze emozionanti che consentono al lettore di sentire le sensazioni, il terrore e le speranze di chi viveva dentro l’orrore di Auschwitz.

Lunedì 16 febbraio partecipo alla presentazione del libro di Umberto Gentiloni. Insieme a me, oltre all’autore, ci saranno Pietro Terracina, sopravvissuto ad Auschwitz,  Marcello Pezzetti, storico e Direttore Scientifico della Fondazione Museo della Shoah. Modera Monica Maggioni, direttore di RaiNews24.

L’appuntamento è il 16 febbraio alle ore 20 al cento ebraico italiano il Pitigliani, in Via Arco de’ Tolomei 1 a Roma.

Ti aspettiamo, è un appuntamento importante ed emozionante.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica