1 agosto 2016 Rapporto Unioncamere, boom di imprese nel Lazio, «Regione leader in Italia per crescita e sviluppo» II Lazio è leader nella crescita. Corre più dell'Italia, a una velocità doppia e si lascia alle spalle gli anni critici. Il 22,5 per cento delle nuove imprese italiane sono nate proprio qui, negli ultimi mesi. Il bilancio positivo arriva da Unioncamere e parla di una regione in ripresa . Nei primi 6 mesi del 2016 sono state 22.869 le iscrizioni di nuove imprese e 17.139 le cessazioni

Il Messaggero, 1° agosto 2016

II Lazio è leader nella crescita. Corre più dell’Italia, a una velocità doppia e si lascia alle spalle gli anni critici. Il 22,5 per cento delle nuove imprese italiane sono nate proprio qui, negli ultimi mesi. Il bilancio positivo arriva da Unioncamere e parla di una regione in ripresa. Nei primi 6 mesi del 2016 sono state 22.869 le iscrizioni di nuove imprese e 17.139 le cessazioni.

Il saldo ha un segno più: sono 5.730 le attività imprenditoriali avviate in questo periodo. Il che si traduce in un tasso di crescita dello 0,90. Un ottimo risultato se si pensa che è il doppio del dato italiano, il tasso di crescita delle imprese a livello nazionale si ferma a quota 0,42 per cento. Lo stock delle imprese laziali raggiunge le 639.558 unità, un valore pari al 10,5% del totale nazionale. «I dati diffusi da Unioncamere dimostrano che nel 2016 la nostra regione si sta confermando leader in Italia per crescita e sviluppo», è il commento del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. «In base ai dati disponibili sul 2016 (primo e secondo trimestre), il Lazio nel primo semestre è la prima regione in Italia sia per tasso di crescita delle imprese sia per saldo tra iscrizioni e cessazioni in termini assoluti».

C’è da tirare un sospiro di sollievo, ovviamente, senza dimenticare però che il quadro economico nel complesso presenta ancora delle criticità e la ripresa non si è consolidata. «Analizzando i dati economici, possiamo dire con orgoglio – conclude Zingaretti – che le azioni messe in campo dalla Regione Lazio stanno contribuendo in maniera decisiva a far ripartire il sistema economico e imprenditoriale del Lazio. Non dobbiamo abbassare la guardia perché la situazione resta difficile e la ripresa è ancora fragile e non strutturale, per questo stiamo intensificando gli sforzi e nei prossimi mesi abbiamo programmato una serie di investimenti e iniziative che avranno un effetto propulsivo sulla crescita delle piccole e medie imprese del Lazio. La Regione Lazio è in prima linea a fianco delle 639.558 imprese del nostro territorio».

A livello nazionale nel primo semestre dell’anno il saldo tra aperture e cessazioni di imprese è positivo, più 25mila unità. Quasi il 23 per cento di queste nuove imprese sono laziali. «È un segno, credo – dichiara l’assessore allo Sviluppo economico e Attività produttive della Ragione Lazio, Guido Fabiani – di una certa fiducia nella ripartenza dell’economia del Lazio. Uno stato di fatto a cui a mio parere hanno contribuito le politiche regionali in materia economica volte a rilanciare il credito alle imprese, sostenere l’innovazione e a spingere con forza il nascere di un forte processo di reindustrializzazione e internazionalizzazione del tessuto produttivo». Proprio per far diventare le imprese del Lazio più competitive a livello internazionale, la Regione ha recentemente dato il via a un programma che mette a disposizione 15 milioni di fondi europei e regionali.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica