8 settembre 2014 A Bruxelles, per raccontare il Lazio che cambia Oggi ho incontrato Johannes Hahn, il Commissario europeo per le Politiche regionali, al quale ho presentato i 45 nuovi progetti che abbiamo messo in campo. Il Lazio comincia ad avere i conti a posto e recuperare credibilità: solo così possiamo incidere

Oggi e domani sono a Bruxelles, per raccontare il Lazio che cambia e che è tornato a investire i fondi europei.

 

Oggi ho incontrato Johannes Hahn, il Commissario europeo per le Politiche regionali, al quale ho presentato i 45 nuovi progetti per lo sviluppo, il lavoro e la coesione che abbiamo messo in campo e che sono basati su cinque priorità: dall’agenda digitale alla green economy, dall’integrazione, al lavoro e all’inclusione sociale.

Abbiamo chiuso  una stagione tutta italiana di un’economia strangolata perfino per pagare i fornitori. Abbiamo speso tutti i soldi della vecchia programmazione, ora tocca a quella nuova: oltre 4 miliardi di euro tra fondi europei, statali e regionali che se indirizzati dentro un modello di sviluppo faranno la differenza.

L’importante è essere presenti qui a Bruxelles in modo costante e chiudere la stagione passata segnata da un fallimentare modello economico. Ora ci auguriamo che qualcosa cambi: noi delle regioni dobbiamo  essere più seri e più rigorosi, ma anche l’Unione europea deve cambiare, penso soprattutto alla discussione sui fondi cofinanziati da tenere fuori dai vincoli del patto. Lo spiego in modo più dettagliato in questo articolo che ho scritto per il mio blog su Huffington Post.

Se accadesse ci sarebbero le opportunità per far ripartire lo sviluppo. Tutto ciò lo puoi chiedere e lo puoi fare solo se hai i conti a posto. E il Lazio comincia ad averli. Solo se recuperi credibilità puoi permetterti di incidere.

Con l’Europa il Lazio cambia e riparte.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet