31 marzo 2015 Una t-shirt controil razzismo per i nostri ragazzi Abbiamo voluto chiudere così il nostro viaggio: con un simbolo per tutti i nostri ragazzi, una maglietta con su Conta su di me', contro ogni razzismo': sappiamo che è una maglietta impegnativa ma è una richiesta importante che facciamo a tutti i nostri ragazzi perché si facciano la loro parte contro il razzismo anche dopo questo viaggio, anzi ancora di più

Con i nostri 426 studenti torniamo da Auschwitz ambasciatori della memoria, della pace e dei diritti. Sono molto soddisfatto per aver contribuito alla crescita di questi giovani. È una delle cose più belle che abbiamo realizzato, e sono contento perché da oggi questi ragazzi sono i protagonisti di una battaglia culturale per la memoria che non può e non deve essere delegata.

Un dono per tutti i nostri ragazzi. Abbiamo voluto chiudere così il nostro viaggio: con un simbolo per tutti i nostri ragazzi, una maglietta con su Conta su di me’, contro ogni razzismo’: sappiamo che è una maglietta impegnativa ma è una richiesta importante che facciamo a tutti i nostri ragazzi perché si impegnino con la loro testimonianza anche dopo questo viaggio, anzi ancora di più.

Abbiamo chiesto ai nostri studenti di essere sentinelle vigili e di indossare la maglietta anche per andarci a scuola, o a mangiare una pizza, perché contiene un messaggio straordinario. Abbiamo chiesto loro non solo di non provare vergogna nel farlo, ma di sentire l’orgoglio di essere militanti di una battaglia civica  e ideale. Una maglia da non tenere solo nel cassetto e che renderà questo viaggio meraviglioso perché aiuterà a cambiare un po’ anche gli altri.

 

Abbiamo potuto contare su quattro straordinari testimoni che hanno fatto ritorno dai campi di sterminio per raccontare l’orrore ai nostri ragazzi, e da oggi tutti questi giovani faranno la loro parte di fronte al rischio del nazismo, dell’intolleranza e del revisionismo. Il germe del razzismo, dell’antisemitismo e del revisionismo purtroppo è ancora vivo, quindi queste sono occasioni importanti, perché non bisogna né dimenticare né tacere. Ho detto ai nostri ragazzi di rispondere ai neonazisti e ai revisionisti che è la democrazia che salva la convivenza civile, perché in democrazia sono accettate le idee di tutti eccetto di coloro che per affermare le proprie idee negano agli altri il diritto a vivere.

 


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet