23 aprile 2015 Affile: cancellato il finanziamento al mausoleo dedicato a Graziani Il Comune di Affile aveva chiesto un generico finanziamento per un monumento ai caduti e invece ha votato una delibera per intitolare il parco al gerarca fascista e criminale di guerra Rodolfo Graziani. Abbiamo cancellato il finanziamento della Regione: lo Stato non può finanziare un monumento del genere

Rodolfo Graziani è stato uno dei più importanti gerarchi fascisti, inserito dall’Onu nella lista dei criminali di guerra per l’uso di gas tossici e per i bombardamenti degli ospedali della Croce Rossa. Durante la seconda guerra mondiale è stato prima governatore e comandante superiore in Libia e poi Ministro della Guerra su incarico di Mussolini, ruolo che mantenne fino al crollo finale del 1945.  Tra le altre cose prese parte anche alla lotta contro la Resistenza e ai tentativi di costituire il nuovo esercito fascista.

La vicenda del sacrario di Affile dedicato a Graziani. Anni fa la Regione ha concesso al Comune di Affile un finanziamento per la realizzazione del Parco di Radimonte e del monumento al Milite ignoto. Il Comune, però, ha deciso di dedicare il monumento proprio al generale Graziani, esponente di punta del fascismo e della Repubblica di Salò. Siamo intervenuti fin da subito: lo Stato non può finanziare un monumento del genere.

La sospensione del finanziamento. L’anno scorso abbiamo inviato a nostre spese una lettera a tutte le famiglie di Affile per spiegare il motivo per cui abbiamo deciso di ritirare i fondi per il mausoleo dedicato a Graziani. Il Comune di Affile infatti, ha deciso impropriamente di dedicare a Rodolfo Graziani il monumento realizzato con i soldi dei cittadini del Lazio.

Abbiamo seguito con grande rispetto tutta la vicenda. Il Comune di Affile aveva chiesto un generico finanziamento per un monumento ai caduti e invece ha votato una delibera per intitolare il parco a Graziani, commettendo una scorrettezza anche da un punto di vista istituzionale. Allora abbiamo invitato la giunta di Affile a rispettare gli atti che portavano al finanziamento ma siccome non abbiamo ricevuto risposta nei giorni scorsi abbiamo deciso di revocarlo.

In primo luogo perché si è trattato di un vulnus amministrativo, cambiare in corso d’opera gli obiettivi del finanziamento ricevuto, poi per un tema etico, perché lo Stato non può finanziare un monumento a persone come Graziani. La nostra scelta è dettata dal rispetto dei valori costituzionali e dal rispetto elle normative.

 


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet