7 giugno 2017 Nuova caserma della Guardia di Finanza ad Arce: rafforziamo la presenza positiva dello Stato sul territorio Abbiamo valorizzato e restituito al territorio una struttura storica chiusa ormai da troppo tempo: anche questa è lotta agli sprechi, ridare vita a spazi inutilizzati restituendo loro funzioni utili alle comunità. Il presidio è molto importante sia per la sicurezza dei cittadini che per la qualità del lavoro della Guardia di Finanza

Con l’apertura, oggi, di una nuova struttura delle fiamme gialle ad Arce, in provincia di Frosinone, rafforziamo la presenza positiva dello Stato sul territorio. Un evento molto importante per tutta la comunità: sia per i cittadini, che potranno contare su un nuovo presidio che garantisce più sicurezza; sia per la stessa Guardia di Finanza, che con questa nuova sede ha uno strumento in più per svolgere sul territorio il proprio lavoro per la legalità.

In prima linea per rafforzare le azioni di contrasto all’illegalità: la struttura di Arce, infatti, è stata ristrutturata grazie a un investimento di 350mila euro della Regione con fondi per la sicurezza integrata. Abbiamo così valorizzato e restituito al territorio una struttura storica chiusa ormai da troppo tempo. Il fabbricato dell’ex Onmi (Opera nazionale maternità e infanzia) ha ospitato un asilo fino al 2009 quando è stato dichiarato inagibile. Il contratto siglato tra l’amministrazione comunale e la Guardia di Finanza prevede il comodato d’uso per almeno trent’anni. Grazie ai lavori di ristrutturazione sono stati recuperati tutti gli spazi, limitando al massimo le spese.  Anche questa è lotta agli sprechi: ridare vita a spazi inutilizzati restituendo loro funzioni utili alle comunità.

Regione Lazio e forze dell’ordine insieme per la legalità. Stiamo facendo un grande lavoro con la Guardia di Finanza e in generale con tutte le forze dell’ordine per rafforzare i percorsi e gli strumenti a garanzia della legalità. Abbiamo voluto instaurare con le forze dell’ordine un rapporto forte, anche per aiutarci con strumenti innovativi a garantire meglio la legalità in una grande amministrazione come la Regione.
Ecco qualche esempio:

Nel 2016 il protocollo con la Guardia di Finanza per i controlli in materia di finanziamenti dei fondi comunitari, che come sappiamo è uno dei grandi territori di caccia per il malaffare. e lo abbiamo fatto – non a caso – nel momento in cui veniva attivata la nuova programmazione, per un totale di oltre 2 miliardi e mezzo. E proprio domani rafforzeremo ancora la collaborazione con la Guardia di Finanza con un nuovo protocollo in materia di controllo della spesa sanitaria. Maggiori controlli significa un uso migliore delle risorse e questo è un grande vantaggio per assicurare che ogni singolo euro sarà speso bene, garantendo la massima trasparenza e legalità.

 

 


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica