17 maggio 2017 Nuovo reparto di chirurgia a Subiaco, nell’ospedale che doveva chiudere e che abbiamo salvato Oggi al via il nuovo reparto di chirurgia dell’ospedale di Subiaco: questo era un ospedale la cui chiusura era segnata dal Decreto 80, e noi lo stiamo rigenerando con nuovi investimenti e una missione precisa: migliorare i servizi per i cittadini. Ecco come

Un’altra azione concreta per l’ospedale di Subiaco, in provincia di Roma. Questa era una delle strutture sul territorio condannate dal Decreto 80. Un ospedale che doveva chiudere, e che noi stiamo rigenerando con nuovi investimenti e una missione precisa: migliorare i servizi per i cittadini. Noi avevamo promesso che non avrebbe mai chiuso, e restituire ai cittadini l’ospedale di Subiaco –rinnovato- è proprio il segnale dell’innovazione che avevamo promesso e che ora stiamo realizzando. Non bisogna perdere la speranza, quando si ascolta la volontà dei territori le cose cambiano in meglio. Non ci credeva nessuno e anche questa volta ce l’abbiamo fatta.

Oggi al via il nuovo reparto di chirurgia. Un investimento di circa 800 mila euro che ha consentito di modernizzare il reparto e riorganizzare l’offerta: il reparto disporrà di 10 posti letto per la chirurgia generale e d’urgenza e 10 posti letto per il day surgery multidisciplinare, mentre prima erano previsti solo 14 posti letto per la chirurgia.

La rigenerazione dell’ospedale di Subiaco. Dopo un lungo periodo di incertezza rilanciamo questo ospedale investendo, aprendo o ristrutturando reparti, potenziando i servizi.

Ecco alcuni esempi:

  • la ristrutturazione del reparto di medicina generale e la realizzazione del reparto di lungodegenza, con investimenti pari a 1 milione e 385 mila euro. I lavori hanno consentito la rimodulazione degli spazi dell’ospedale e il miglioramento dei percorsi, in particolare per quello che riguarda i locali del pronto soccorso. I fondi, assegnati alla Asl Roma 5, hanno consentito di risistemare i 30 posti letto di medicina generale cui abbiamo aggiunto 10 nuovi posti del  reparto di lungodegenza.
  • interventi di riqualificazione della struttura e per la viabilità, con investimenti pari a 5,9 milioni:  sono state fatte le gare e inizieranno a breve i lavori per l’adeguamento antisismico, l’adeguamento antincendio, la ristrutturazione delle facciate e per sistemare la viabilità esterna. Già avviato il progetto anche per la riqualificazione del pronto soccorso.
  • la nuova Rems, con un investimento di 800 mila euro: 40 posti letto con un reparto completamente riqualificato. I lavori sono già iniziati per i locali di degenza, i servizi e per l’area esterna.
  • 61 deroghe concesse all’assunzione di personale nella Asl Rm5: a Subiaco sono destinate 8 unità di personale:0 nello specifico si tratta di 2 medici di medicina generale,  1 medico anestesista e 5 oss, per  questi ultimi sta procedendo ad istruire il concorso.

La situazione sta cambiando anche sui territori e continueremo a impegnarci per migliorare sempre di più la qualità dei servizi. L’inaugurazione di oggi è un atto importante perché sono 10 anni dall’inizio della tragedia del commissariamento. La notizia oggi non è solo quella dell’apertura del reparto, ma il fatto che noi abbiamo messo nella programmazione sanitaria l’ospedale di Subiaco che testimonia che la fase di distruzione della sanità nel Lazio è finita.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica