14 marzo 2016 Cinema contro le mafie, quattro film nei luoghi simbolo Quattro serate di cinema gratis nelle palestre delle scuole di Roma e Rieti. Parte domani in collaborazione con i ragazzi del Cinema America Occupato la rassegna cinematografica Lazio Senza Mafie

di Stefania Ulivi, Corriere della sera, 14 marzo 2016

L’appuntamento è per domani alle 21, armati di cuscini e tappeti, all’Ex Gii di Viale Adriatico 136. Nella palestra Agnini Libero De Rienzo e Valentina Lodovini presenteranno al pubblico «Fortapàsc» insieme a Marco Risi che lo ha diretto nel 2009. La storia del cronista del Mattino Giancarlo Siani, ammazzato dalla camorra.

Giovedì la chiamata a raccolta è a Corviale , «nella palestra simbolo della nostra città per la lotta alle mafie, quella del Calcio Sociale», dove il regista Francesco Munzi con Barbera Bobulova e Fabrizio Ferracane porteranno «Anime Nere». Il film, vincitore di nove David di Donatello, tratto dal romanzo di Gioacchino Criaco, racconta la storia di tre fratelli figli di pastori, vicini alla ‘ndrangheta.

Quindi, a Rieti venerdì Monica Zapelli presenterà «Lea» di Marco Tullio Giordana, di cui è sceneggiatrice, all’istituto Luigi Di Savoia Duca degli Abbruzzi. La tragica storia vera di Lea Garofalo che, per salvaguardare la figlia Denise, nel 2002 decise di denunciare il proprio compagno, il padre di Denise Carlo Cosco, spacciato re e usuraio a Milano per conto della ‘ndrangheta. Infine, a Colli Aniene, nella palestra del Liceo Croce di Via Bardanzellu 7, quale Luigi Lo Cascio con Monica Zapelli accompagnano «I Cento Passi», sempre di Giordana.

I cento passi del titolo sono quelli che dividevano la casa di Peppino Impastato da quella boss Gaetano Badalamenti. «Mio padre, la mia famiglia, il mio paese! Io voglio fottermene! Io voglio scrivere che la mafia è una montagna di merda! Io voglio urlare che mio padre è un leccaculo! Noi ci dobbiamo ribellare. Prima che sia troppo tardi! Prima di abituarci alle loro facce! Prima di non accorgerci più di niente! » dice Lo Cascio nel film citando le parole di Impastato alla Radio Aut che aveva fondato. Fu ucciso dalla mafia nel 1978.

Quattro film che sono il cuore del progetto «II cinema contro le mafie», all’interno del Secondo Meeting Regionale contro le Mafie promosso dalla Regione Lazio, e realizzato dai ragazzi dell’associazione «Piccolo Cinema America». «Crediamo che un’altra società sia possibile – ha spiegato il presidente Valerio Carocci – purché la politica e le istituzioni siano in grado di interagire e comprendere le migliaia di realtà che, spontaneamente, animano e rendono i nostri territori attivi e realmente sicuri».

Tutti gli eventi saranno ad ingresso gratuito. «Non allestiremo sedie perché crediamo che la lotta alla mafia debba partire in primis dall’attivazione di ogni singolo cittadino: portare un cuscino è un gesto simbolico per vivere attivamente l’evento».

 


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica