16 dicembre 2011 Con i ragazzi del Liceo Tasso “basta paure” “Dove trovare spazi per i giovani, per cultura e scuola?”, “come combattere la crisi?” e ancora “come competere con altri paesi come la Cina?”. Sono queste alcune delle domande che i ragazzi del liceo Tasso hanno fatto a Nicola che al termine dell’incontro ha poi presentato il progetto delle aule digitali: entro il 2012 40 aule potrebbero non avere più bisogno della carta

‘Giovani e democrazia’: è il tema al centro dell’incontro di Nicola con gli studenti del Liceo Tasso di Roma. “Negli ultimi 3 anni sono scomparsi 14miliardi e mezzo di trasferimenti agli enti locali. Noi abbiamo tentato, e ci siamo riusciti, di tagliare senza togliere nulla alla scuola, alla cultura e alla solidarietà”, ha detto Nicola.

“Dove trovare spazi per i giovani per cultura e scuola”, “come invertire la tendenza economica negativa?” o “come recuperare competitività con altri paesi come la Cina”. Sono queste alcune delle domande poste dalle ragazze e dai ragazzi a Nicola.

“L’Italia non cresce più. Questo paese è diventato ricco perché produceva ciò che il mondo consumava – ha risposto – adesso non produciamo più i beni che il mondo consuma. Ed è questo l’ errore, perché per ricominciare a fare ricchezza dobbiamo reinserirci”. Per essere competitivi con gli altri paesi “non serve abbassare le tutele dei lavoratori per rincorrere paesi che si stanno sviluppando. E’ sbagliato pensare che le politiche che precarizzano il lavoro ci rendano più competitivi”ha affermato.

Secondo Nicola “il problema della democrazia italiana è che se lo Stato non dà l’impressione di preoccuparsi dell’esigenza di ricominciare e di dare futuro, è normale la rabbia che esplode nei confronti di una società che non risponde”.

“All’improvviso, un mese fa, tutte le piazze delle capitali europee si sono riempite di giovani per denunciare la paura del futuro. Quelle piazze non avevano l’interlocutore – ha detto ancora – perché i governi nazionali non sono più in grado di dare risposte”.

“A gennaio – ha poi annunciato Nicola ci sarà il Progetto pilota delle aule digitali: lavagna interattiva multimediale e studenti dotati di tablet. Entro il 2012 – ha spiegato – circa 40 aule, le prime in Italia, potrebbero non aver bisogno della carta perché tutti i ragazzi saranno dotati di tablet e si potrà accedere alla rete durante la lezione per integrare l’insegnamento”.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet