24 settembre 2012 Con la musica diciamo sì alla cittadinanza per i bambini figli di immigrati nati in Italia Negli ultimi anni si è parlato di immigrazione solo dal punto di vista della sicurezza, ma è stato un approccio sbagliato, una tragedia sociale ed economica. Alla Provincia abbiamo lanciato la campagna ‘l’Italia di chi ci nasce e di chi la ama’ che ora puoi sostenere anche al ‘Festival Supersond Mei’ a Faenza

Il tema della migrazione è stato collocato in questi anni sotto le dinamiche dell’ordine pubblico e questa è stata una tragedia sociale oltre che economica.

Per questo continua il nostro impegno per una legge che riconosca la cittadinanza ai figli degli immigrati nati in Italia.

Questa volta promuoviamo l’integrazione usando la musica e la cultura come linguaggio  universale per e la solidarietà.

La campagna ‘L’Italia di chi ci nasce e di chi la ama’, che abbiamo ideato alla Provincia, arriva infatti a Faenza, in Emilia Romagna, dove dal 28 al 30 settembre si tiene il ‘Supersond Mei’ con il Mei (Meeting delle etichette indipendenti), che unisce la musica dei grandi artisti come Daniele Silvestri, Sud Sound system, Francesco Baccini, Quintorigo e Piotta e quella delle bande musicali multietniche.

Del resto, la musica è da sempre uno straordinario linguaggio capace di superare ogni differenza, veicolare diritti e far conoscere le persone. In Italia, da Trieste alla Sicilia, ci sono ben 16 bande e orchestre multietniche, con 200 musicisti provenienti da 28 paesi. Rock, ska, punk, reggae. Si suona di tutto.

Soprattutto, si scoprono ritmi, parole, culture sempre nuove. Il mondo è più bello se ne riusciamo a leggere la ricchezza di colori, sfumature e idee.

Vogliamo continuare una battaglia culturale su questo tema, su cui non bisogna cedere un millimetro. L’approccio culturale sbagliato sull’immigrazione ha fatto arretrare il nostro Paese da un punto di vista civile e di competitività.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet