29 luglio 2015 Sanità: miglioriamo i conti e aumentiamo i servizi Da quando c'è questa amministrazione tutti i tavoli trimestrali di rientro che verificano come stiamo risanando i conti si sono conclusi con uno sblocco di risorse nei confronti della Regione. In un anno abbiamo dimezzato il disavanzo, è un fatto storico. Possiamo avviare una nuova fase per dare nuovi servizi ai cittadini e per far funzionare a pieno regime la sanità che in questi due anni abbiamo completamente riorganizzato

Finalmente il Lazio vede la luce in fondo al tunnel, che si ingrandisce, e questo grazie ad uno sforzo collettivo. Non è merito di una persona, ma di uno sforzo collettivo, dell’impegno di tante persone che si sono messe a remare finalmente dalla stessa parte. Da quando c’è questa amministrazione tutti i tavoli trimestrali di rientro si sono conclusi con uno sblocco di risorse nei confronti della Regione. Il cammino che abbiamo fatto in questi due anni è stato scandito da alcune tappe fondamentali, in cui la nostra azione si è armonizzata con alcune importanti innovazioni sul sistema sanitario nazionale:

A marzo 2013, il primo tavolo di rientro della nuova legislatura. La Regione Lazio veniva bocciata da oltre un anno dal tavolo tecnico che verifica come si stanno rimettendo a posto i conti, e proprio per questo i fondi erano bloccati. Le prime riforme che abbiamo promosso ci hanno fatto meritare già dal primo tavolo lo sblocco di 540 milioni di fondi. Un’apertura di credito alla nostra serietà che in questi 2 anni abbiamo dimostrato di meritare.

Ecco le altre tappe fondamentali di questo percorso. A luglio 2014 abbiamo adottato i programmi operativi e sempre a luglio 2014 c’è stata anche la firma del patto per la salute tra regioni e governo. Ad agosto, invece, è stato definito il regolamento nazionale che ha definito gli standard per l’assistenza ospedaliera. A novembre 2014 la nuova rete ospedaliera, ad aprile 2015 la firma degli atti aziendali, e ieri, infine,  il via libera dal tavolo tecnico sul piano di rientro.

In un anno abbiamo dimezzato il disavanzo, è un fatto storico. Il disavanzo del 2014 è pari a 367 milioni di euro. Significa che in un anno lo abbiamo dimezzato, passando dai 669,6 milioni di euro a 356 milioni di euro. Possiamo avviare una nuova fase per dare nuovi servizi ai cittadini e per far funzionare a pieno regime la sanità che in questi due anni abbiamo completamente riorganizzato.

Abbiamo fatto ripartire le assunzioni. A causa del commissariamento dal 2007 a oggi la sanità della nostra regione ha perso  8.000 unità, oltre 2.000 contratti a tempo determinato. noi abbiamo già dato un segnale importante, facendo ripartire le assunzioni. Col miglioramento dei conti possiamo finalmente porre fine al blocco del turnover e siamo pronti a dare il via alla stabilizzazione dei precari.

Tutto questo vuol dire: nuovi concorsi, certezza per i lavoratori, e servizi migliori per i cittadini. Dal 2° semestre 2015 passiamo dal 15% al 30% delle deroghe sul turnover, significa che prima potevamo assumere 15 persone su 100 che andavano in pensione, oggi 30. nel 2016 avvieremo un piano triennale per la stabilizzazione dei lavoratori a tempo determinato, e sul percorso di stabilizzazione abbiamo firmato un importante protocollo con le organizzazioni sindacali.

Miglioriamo i conti e aumentiamo i servizi. Abbiamo avviato una vera e propria  rivoluzione nel sistema sanitario regionale e lo abbiamo fatto in tanti modi: con il riequilibrio dell’offerta sanitaria sul territorio;, con le cinque reti tempo dipendenti: emergenza, ictus, cardiologica, trauma, perinatale. e poi abbiamo avviato le reti specialistiche oncologiche, già è partita quella di senologia e presto saranno pronte le altre. Ma non solo: tra le tante cose abbiamo aperto 8 case della salute e 17 poliambulatori a Roma il sabato e la domenica e nei festivi, per garantire la continuità assistenziale ai cittadini.

Oggi possiamo dire, rispetto a due anni fa, che il tunnel non è più buio, o peggio un labirinto dove si gira spesso a vuoto ,ma c’è una strada, una via e iniziamo a vedere la luce in fondo al tunnel.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet