22 novembre 2011 Eroine di Stile in mostra Ferrè, Armani Prada e Gattinoni e altri grandi maestri della moda italiana vestono le eroine del Risorgimento in un percorso tutto al femminile, tra storia e moda. E’ l’esposizione promossa dalla Provincia in occasione de 150 anni dell’Unità d’Italia a Palazzo Altemps , un omaggio alle donne che hanno in qualche modo rappresentato la storia del nostro paese

Un percorso tutto al femminile, tra storia e moda. Un omaggio al coraggio, all’ambizione, alla determinazione delle donne che hanno in qualche modo rappresentato la storia d’Italia. Intellettuali, aristocratiche, donne del popolo, regine e religiose, combattenti e garibaldine. Donne di cuore, di istinto, di cultura.

Sono le ‘Eroine di stile’, artefici di un Risorgimento dimenticato e protagoniste della mostra allestita al museo nazionale romano a Palazzo Altemps.

La mostra promossa dalla Provincia di Roma in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, curata da Stefano Dominella e ideata da Carmela Piccione, è stata presentata da Nicola, Giuliano Amato, presidente del comitato per le celebrazioni del centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia e del vice presidente della Camera di commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti.

L’esposizione mette in mostra abiti d’epoca dedicata alle eroine: da Anita Garibaldi a Cristina di Belgioioso, dalla contessa di Castiglione a Maria Sofia di Borbone. Da Enrichetta Caracciolo a Clotilde di Savoia, fino alle brigantesse Maria Oliverio e Michelina Di Cesare.

Al loro ritratto, sono dedicati gli abiti storici dei grandi maestri della moda italiana: Alessandro Dell’Acqua, Armani, Emilio Pucci, Fendi, Gattinoni, Ferré, Missoni, Laura Biagiotti, Cavalli, Valentino, Ferragamo, Sarli. Ad ognuna delle oltre 70 donne è stato abbinato un abito, a seconda “del loro carattere e della loro personalità”, ha detto Dominella.

Ad esempio, ad Anita Garibaldi è stata abbinata una mise di Laura Biagiotti, rosso fuoco, naturalmente. Mentre Valentino veste la salottiera Olimpia Rossi Savio.

“La ricchezza delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia – ha detto Nicola – è stata quella di non trasmettere solo le date ma soprattutto di avere un approccio curioso, che ha tentato di interessare e coinvolgere tutti all’ atmosfera culturale del Risorgimento. Questa esposizione mette in mostra due pilastri di quell’Italia: le donne e il gusto, l’arte della moda e del design, che hanno accompagnato l’Italia nel corso di questi 150 anni”. 

Anche Clio Napolitano ha partecipato all’inaugurazione della rassegna “E’ una mostra bella, ben fatta – ha detto – corredata da belle fotografie e abiti importanti, indossati su personaggi femminili storici, di cui ho sentito parlare fin da quando ero bambina”.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet