23 marzo 2017 73° anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine, da oggi online il portale dedicato Un percorso della memoria multimediale ed interattivo, incentrato su un’area monumentale divenuta simbolo tra i più alti della guerra di liberazione dell’Italia nel biennio 1943 – 1945.

Inaugurato oggi, in occasione del 73° anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine, il sito internet dedicato alle vittime del 24 marzo 1944: www.mausoleofosseardeatine.it.

Raccontare la storia dell’eccidio attraverso gallerie fotografiche, filmati, raccolte di testimonianze e documenti inediti, per ricordare, riflettere, invitare ad approfondire. Un percorso della memoria multimediale ed interattivo,  incentrato su un’area monumentale divenuta simbolo tra i più alti della guerra di liberazione dell’Italia nel biennio 1943 – 1945. Il progetto integrerà l’offerta informativa del sito della Difesa www.difesa.it.

L’omaggio alle Fosse Ardeatine e ai loro caduti compie un altro importante passo nel futuro. In questi due anni con il ministro Pinotti e con l’Anfim abbiamo lavorato a un progetto molto moderno affinchè tutta la storia delle Fosse,
la ricostruzione della storia delle vittime sarà ed e’ già non solo su un sito internet ma anche in una app per tutti i
cellulari. Chi entra in questo luogo sa e conosce la tragedia che si è vissuta, ma era giusto pensare a come questa
memoria possa essere tramandata a tutti. E quindi abbiamo scelto lo strumento più semplice, moderno, che può stare nelle tasche di tutti coloro che vogliono approfondire questa tragedia.

Il racconto è organizzato in tre sezioni principali:

  1. il luogo, ovvero la descrizione del posto che vide lo svolgersi dei fatti e oggi ospita il Mausoleo: come era e come è ora, con la ricostruzione della vicenda della progettazione e della realizzazione;
  2. il fatto e il contesto, la ricostruzione di ciò che accadde nei due giorni tra la mattina del 23 e il 25 marzo del 1944 raccontata in una scansione cronologica che rende conto del progressivo evolversi degli eventi;
  3. i martiri, le storie delle 335 vittime della strage raccontate attraverso i documenti dell’archivio dell’ANFIM e la vasta collezione di testimonianze raccolte nel corso degli anni dalla storiografia.

Sarà possibile inoltre seguire un tour virtuale del mausoleo con l’ausilio di un’audio guida che ne illustra i punti principali: dalla cancellata d’ingresso alle cave, luogo dell’eccidio. Una visita da fare con animo predisposto al ricordo e alla meditazione. La guida, oltre a fornire le informazioni per comprendere il luogo e i fatti, ricostruirà la storia di alcuni dei 335 martiri: attraverso le ultime lettere scritte dalla prigionia e le testimonianze dei parenti. Il sito contiene inoltre uno spazio di aggiornamento su iniziative, appuntamenti, aperture speciali, occasioni importanti, eventi che si svolgono sul luogo o collegate al fatto.

Presente anche un box chiamato libro dei visitatori,  che conterrà le testimonianze di chi visita il mausoleo e vuole lasciare un ricordo, un commento, un pensiero. Nato da un’idea del Ministero della Difesa, Il sito è prodotto dalla Regione Lazio con la collaborazione dell’A.N.F.I.M. – Associazione nazionale famiglie italiane martiri caduti per la libertà della patria.

Un lavoro di grande riflessione, e un modo per dimostrare che siamo qui nel giorno in cui bisogna ricordare ma che l’impegno per tenere viva la memoria sulla tragedia dei martiri ardeatini è 365 giorni l’anno. Già adesso è disponibile per tutti coloro che entreranno qui la possibilità di sapere che scaricando l’app sul cellulare si può fare una visita in piena conoscenza dei riferimenti storici.

Ringrazio quindi il ministro Pinotti e l’Anfim, l’avevamo detto due anni fa e ce l’abbiamo fatta.

 


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica