3 agosto 2012 “Il rating della Provincia? Migliore dello Stato” Un bel riconoscimento del lavoro che stiamo portando avanti, per tenere i conti in ordine nonostante i tagli e allo stesso tempo migliorare la qualità della vita delle persone

Per una volta buone notizie dalle agenzie di rating: la Provincia di Roma ha un “giudizio” migliore di quello dello Stato. Un bel riconoscimento del lavoro che stiamo portando avanti, per tenere i conti in ordine nonostante i tagli e allo stesso tempo migliorare la qualità della vita delle persone, grazie a soluzioni innovative e creative.

L’articolo di Daniele Autieri su “la Repubblica”

Fedele alla prassi che i rating degli enti locali non possono superare quello nazionale, Standard&Poor’s ha confermato il giudizio di lungo termine della Provincia di Roma a BBB+. Per la prima volta però l’agenzia internazionale di rating ha indicato nero su bianco nella sua relazione che il valore reale del rating della Provincia, libero dal legame con lo Stato italiano, sarebbe pari a AA – , ben tre livelli superiore rispetto a quello assegnato.

“Non riteniamo – spiega la nota ufficiale di Standard&Poor’s – che le attuali relazioni tra il governo centrale e gli enti locali italiani consentano a questi ultimi di beneficiare di un rating superiore a quello attribuito allo Stato”. “Tuttavia – prosegue l’agenzia – assegniamo alla Provincia di Roma un merito di credito indicativo AA che, pur non corrispondendo a un rating, esprime una misura di valutazione del merito di credito intrinseco di un ente locale”.

In sostanza, secondo l’agenzia che insieme a Moody’s e Fitch sta facendo ballare i mercati finanziari internazionali con i suoi giudizi sui debiti sovrani, la Provincia ha fatto i compiti a casa, ha “una robusta posizione di liquidità, un’assenza di passività potenziali e un management prudente che vanta un passato di solide performance di bilancio”. Non solo: rispetto ai pesanti passivi di bilancio di Regione e Comune di Roma, le previsioni di Standard&Poor’s indicano per la Provincia un surplus di bilancio dopo gli investimenti del 4% nel 2013 e 2014, accompagnato da un significativo trend di riduzione del debito.

Gli analisti che hanno fatto le pulci ai conti della Provincia stazionando per giorni nelle stanze di Palazzo Valentini, hanno inoltre ribadito che “S&P’s considera molto positiva la posizione di liquidità dell’ente”, e conteggiato le giacenze liquide medie degli ultimi 12 mesi a circa 193 milioni di euro.

Per quanto riguarda invece le prospettive, queste rimangono negative sul futuro perché, come nel caso del rating, “riflettono il giudizio formulato sulla Repubblica Italiana e indicano una possibile riduzione del rating della Provincia qualora ci fosse un’ulteriore riduzione del rating della Repubblica”.

“Siamo più che soddisfatti per il giudizio espresso sul governo del nostro bilancio e nel rapporto entratedebito – commenta l’assessore al Bilancio della Provincia, Antonio Rosati – anche perché abbiamo dimostrato che è possibile coniugare una politica di rigore agli investimenti e allo sviluppo economico”.

(02 agosto 2012)


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet