10 dicembre 2015 Vicini alle persone in difficoltà, sempre: oggi all’Ostello Caritas di Via Marsala È un bell’esempio di solidarietà che ci colpisce molto, perché sostenere chi è in difficoltà è un obiettivo che stiamo portando avanti in tanti modi fin da quando siamo arrivati: abbiamo rimesso al centro le politiche sociali come non accadeva da tanto tempo e lo abbiamo fatto in modo concreto, attraverso numerosi bandi e investendo quasi 20 milioni per dare sostegno a chi si occupa di fragilità

Il 18 dicembre il Papa inaugurerà proprio all’Ostello serale di via Marsala a Roma la Porta Santa della Carità. Un attimo simbolico ma concreto proprio come è concreto questo presidio dedicato ai più deboli che è stato ampliato e migliorato in tutte le superfici: dalle stanze per la notte alla mensa, al cento diurno.  Un bell’esempio di solidarietà che ci colpisce molto, perché sostenere chi è in difficoltà è un obiettivo che stiamo portando avanti in tanti modi fin da quando siamo arrivati, rimettendo al centro le politiche sociali come non accadeva da tanto tempo.

Ecco alcuni degli interventi più importanti che abbiamo portato avanti in questi mesi per sostenere chi si trova in difficoltà:

Quasi 20 milioni per dare sostegno a chi si occupa di fragilità. Abbiamo impiegato in questi due anni e mezzo quasi 20 milioni per contrastare le povertà e assistere le famiglie e le persone più fragili. Lo abbiamo fatto coinvolgendo il più possibile il mondo del terzo settore su quattro bandi: il bando povertà; il bando fraternità; il bando bene in comune e il bando innova tu.

Ecco alcune delle iniziative che abbiamo sostenuto grazie a questi bandi: mense sociali; assistenza agli emarginati, senzatetto, richiedenti asilo; anziani; mamme sole con bambini, minori in difficoltà; persone con disabilità. Uno dei progetti più importanti che abbiamo finanziato è l’emporio della solidarietà, il primo supermercato solidale italiano, nella cittadella della Caritas di Roma. Ogni anno abbiamo assistito più di 1500 famiglie assistite per un totale di quasi 6.000 persone.

Sempre con la Caritas, abbiamo sostenuto progetti in tutto il territorio del Lazio, dando un aiuto concreto a migliaia di famiglie e cittadini nella nostra Regione. Gli investimenti per l’inclusione sono un pezzo fondamentale della nostra azione. Per questo abbiamo deciso di stabilizzare il fondo per le fragilità da 7 milioni, nonostante le difficoltà di bilancio.

Le iniziative per sostenere il sociale durante e dopo il Giubileo.  Abbiamo formato 420 volontari, che saranno di supporto ad ares118 nei servizi di primo soccorso. Abbiamo sostenuto un progetto straordinario per l’accoglienza e il supporto dei pellegrini e delle famiglie con bisogni speciali: metteremo a disposizione almeno 360 posti per un anno di impegno come volontario, per un investimento complessivo di 2 milioni. E poi un bando da 700mila euro dedicato alle organizzazioni di volontariato che presenteranno progetti per l’accoglienza di persone con bisogni speciali in occasione del Giubileo.

Questo capitale umano di generosità e solidarietà rimarrà a Roma e nel Lazio anche dopo il Giubileo e sarà un motore straordinario per produrre giustizia e sviluppo.Oggi è una giornata importante perché l’ostello è parte del cuore di Roma e deve continuare a vivere e pulsare in modo potente. La qualità della città dipende dalle relazioni umane che si creano e l’ostello è stato in questi anni un anticorpo affinché Roma vivesse in modo migliore e diventasse
più umana, gentile, solidale. Della presenza di questo luogo ne hanno beneficiato tutti.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica