1 agosto 2017 Cotral: l’assessore Civita racconta il lavoro della Regione La ricapitalizzazione, il nuovo piano industriale di Cotral, l’acquisto dei nuovi mezzi, l’impegno per migliorare i servizi, con nuovi mezzi moderni e ecologici. Ora Cotral può competere con le altre aziende

Intervista di Andrea Arzilli, Corriere della Sera, 1° agosto 2017

Michele Civita, assessore alla Mobilità della Regione Lazio, che idea si è fatto di Atac? «Mi sembra che non ci sia un’idea condivisa e certa sul futuro. Del resto questi dirigenti che vengono e che vanno…se non c’è stabilità un’azienda non va da nessuna parte. E credo che quest’ultima uscita sia frutto di una visione non condivisa, questo è il tema».

E voi, come Regione, cosa potete fare? «Noi, se il Comune ce lo chiede, siamo disponibili ad aprire un tavolo e a collaborare, magari insieme al nuovo ad Paolo Simioni. Sia chiaro, la condizione che il confronto sia serio, senza furbizie o scaricabarile. Ci siamo e siamo pronti a fare la nostra parte insieme alle altre istituzioni perché aumentare l’efficienza del sistema e migliorare la qualità del servizio è fondamentale. Ovviamente Atac è al 100% del Comune di Roma, quindi noi non conosciamo nel dettaglio i problemi, leggo di questioni legate al- la manutenzione e alla gestione del personale. Chiaro che il Comune deve avere la disponibilità ad ascoltare le proposte delle parti».

Solo proposte o, magari, nuove risorse? «Quest’anno su Roma il fondo è salito a 240 milioni, nel 2013 il bilancio lasciato in eredità dalla vecchia giunta regionale aveva zero euro su Roma. Più c’è il contratto di Atac sulle ferrovie concesse, in tutto i milioni sono 33o, e questo lo voglio rimarcare. Dal 2013 a Roma Capitale abbiamo dato oltre 1,3 miliardi sul trasporto locale, fortunatamente abbiamo potuto utilizzare le somme messe da Mario Monti e poi confermate dal governo Renzi, circa 8 miliardi per pagare i debiti della pubblica amministrazione verso enti locali e fornitori del Lazio».

Vuol dire che non ci saranno ulteriori trasferimenti di denaro? «Intanto noi garantiamo i finanziamenti e le modalità di pagamento più veloci, ormai in base a fatture emesse ogni
tre mesi. Ma è chiaro che, prima di parlare di ulteriori risorse, c’è bisogno di un piano industriale condiviso con le altre istituzioni. Sennò dove si vuole andare?».

E quello il primo mattone della rinascita di Atac o serve anche altro? «Servono coraggio e barra dritta, sennò queste aziende rischiano di non svolgere la funzione per cui sono nate. Noi lo abbiamo fatto con Cotral, siamo ripartiti dall’abc. Cotral era la cenerentola dei trasporti, abbiamo trovato oltre 400milioni di debito e 26 milioni di deficit nella gestione annuale. Abbiamo scelto di ricapitalizzare, l’alternativa era portare i libri in tribunale. Ma lo abbiamo fatto con un nuovo piano industriale e negli ultimi due anni Cotral è in attivo, nel 2016 di 8 milioni di euro, e il debito è stato ridotto di 250 milioni. Abbiamo trovato bandi aperti per nuovi dirigenti, li abbiamo stoppati e abbiamo assunto quasi 250 nuovi autisti. Del resto senza autisti e mezzi efficienti un’azienda di trasporti non va. Servivano nuovi mezzi e ne abbiamo comprati 440, e nuove infrastrutture, penso ai depositi. Ora Cotral può competere con le altre aziende quando nel 2019, come prevede la legge nazionale, ci saranno le gare».

Che rapporti avete adesso con Atac? «Abbiamo costituito un tavolo su Metrebus per fare in modo che si allarghi la rete di vendita e si combatta l’evasione, con l’obiettivo di arrivare ad un biglietto unico regionale. Le percentuali di distribuzione risorse su Metrebus sono su delibera regionale, la nostra idea è quella di legarle con il contapersone alla reale quantità di trasporto dei cittadini o dei turisti. Atac è gestore di Metrebus e ha percentuali e disponibilità di cassa importanti. Però, in prospettiva, essendo Atac una spa, non potrà più gestire Metrebus come oggi per conto della Regione. Noi pensiamo che questa sia un’attività pubblica che deve gestire il pubblico con metodi più trasparenti e innovativi».


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica