12 agosto 2011 La manovra è macelleria sociale

Usiamo la terminologia esatta: la manovra proposta dal governo nei confronti degli Enti locali è una vera e propria macelleria sociale.

Gli Enti locali sono in prima fila per fornire servizi alle fasce più bisognose della popolazione. Questi stanziamenti sono stati già ridotti all’osso e ridurli ancora, peraltro con percentuali elevatissime, significa scardinare quasi completamente qualsiasi intervento sociale nei confronti dei più deboli.

Tutto ciò è inaccettabile, quindi sarà necessario mobilitarsi in tutti i modi contro questa iniqua manovra del governo delle destre Bossi-Berlusconi che colpisce come al solito i più deboli e i più bisognosi.

A leggere le dichiarazioni di queste ore l’unica cosa evidente e drammaticamente semplice è che di fronte a una crisi drammatica la destra italiana è divisa. Non sa cosa fare. Dopo aver prodotto ingiustizie si apprestano a produrne altre. Incredibile.

La manovra colpirà l’economia romana ben oltre i tagli previsti ai trasferimenti agli enti locali. Tutti i provvedimenti previsti sul pubblico impiego che si sommano a quelli già assunti nei mesi scorsi graveranno infatti in particolare sulla nostra economia come minore liquidità disponibile per moltissime famiglie. Molto piùche nel resto del Paese. Si colpiranno quindi i consumi dando un altro colpo al mercato romano

A me fa piacere che in queste ore molti esponenti della destra protestino e si indignino contro la manovra. Ma non bisogna essere ipocriti: l’unico modo di evitare questo disastro è cambiare governo e avviare una nuova politica economica basata sul rigore certo ma anche sull’equità e soprattutto sullo sviluppo. Equità e sviluppo due concetti totalmente assenti in queste manovre del Governo Berlusconi


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet