25 novembre 2011 Contro la violenza sulle donne Cresce il numero di denunce per maltrattamenti. La Provincia investe sostenendo i centri di accoglienza per donne vittime di violenza Solidea. In un momento in cui le istituzioni tagliano i fondi per il sociale, investiamo nelle strutture che migliorano la qualità della vita

Dal 2008 al 2010 le donne seguite dai centri della rete Solidea (Istituzione di genere femminile e solidarietà) sono passate da 465 a 1.039, raddoppiando così il numero di denunce per maltrattamenti subiti.

Il totale è di 2.587 unità.

Questi dati si riferiscono esclusivamente alle donne con le quali i centri hanno avviato un percorso di uscita dalla “spirale della violenza”, ma esiste tutto un lavoro, essenzialmente telefonico, di primo contatto con un numero ben più elevato di donne, che tra il 2008 e il 2010 è arrivato a toccare i 6.391 contatti.

L’età media delle donne seguite è di 39 anni ed in oltre l’ 80% dei casi con uno o più figli al seguito.

Sono alcuni dei dati diffusi nel corso della presentazione del I Rapporto dell’Osservatorio sulle vittime di violenza e i loro bambini ‘Contro la violenza’, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Nel Lazio al momento sono presenti tre centri antiviolenza Solidea: uno in viale di Villa Pamphili (aperto dal 1992), uno al Trullo e uno a Valmontone.

“La violenza non è un fatto privato, è una violazione dei diritti umani che limita l’opportunità dei diritti stessi”, ha spiegato il presidente di Solidea, Maria Grazia Passuello.

“È una questione sociale e politica che richiede un’ assunzione di responsabilità da parte delle istituzioni. La Provincia di Roma non solo non ha tagliato i fondi sul sociale, ma ha ottenuto risultati eccezionali. L’anno prossimo partirà un protocollo d’intesa con i Municipi V, VII, VIII e X: tutti i dati provenienti dai pronto soccorso degli ospedali, dai consultori e dai centri antiviolenza confluiranno all’interno dell’Osservatorio”.

“Solidea – ha detto Nicola – spinge l’Amministrazione ad essere attiva su alcune politiche. La Provincia di Roma ha deciso di costituirsi parte civile in tutti i procedimenti per violenza sessuale accaduti nel territorio. La battaglia culturale della prevenzione è un pilastro importantissimo, e senza Solidea Roma sarebbe diversa. Quello che avete fatto – ha detto ancora – è un grandissimo risultato, non siete sole, l’amministrazione crederà in quello che fate”. 

“Nel 2012 – ha annunciato infine Nicola – apriremo un nuovo centro antiviolenza a Castel Gandolfo, in una villa requisita alla mafia. È un altro segnale che vogliamo dare in un momento di difficoltà di bilancio. Le donne sono al primo posto nella gerarchia delle priorità”.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica