17 novembre 2016 Lavoratori Rsa: una svolta per migliorare l’assistenza e la dignità del lavoro Un altro requisito per l'accreditamento di strutture socio sanitarie, assistenziali e riabilitative: il personale deve avere con il soggetto gestore della struttura un rapporto di lavoro di dipendenza regolato dal Contratto nazionale. Gli attuali soggetti gestori hanno tempo fino al 30 giugno 2017 per adeguarsi alle nuove disposizioni

Strutture socio sanitarie, assistenziali e riabilitative: la Regione ha introdotto un altro requisito necessario all’accreditamento: il personale con la qualifica di infermiere, fisioterapista, operatore sociosanitario, educatore professionale, tecnico sanitario o figure equivalenti e dedicate all’assistenza al paziente, deve avere con il soggetto gestore della struttura un rapporto di lavoro di dipendenza regolato dal Contratto nazionale sottoscritto dalle associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori più rappresentative nel settore sanitario.

Un provvedimento che segna una svolta a tutto vantaggio di cittadini e utenti, garantendo una migliore qualità delle cure, maggiori certezze e più tutele per i lavoratori. Il decreto, che fa seguito all’accordo sottoscritto dalle associazioni datoriali del settore, Aiop e Aris e dai sindacati Cgil, Cisl e Uil lo scorso 21 marzo, impatta positivamente sulle condizioni contrattuali e di lavoro di circa 10 mila lavoratori che ogni giorno operano con persone più deboli e fragili come gli anziani.

Gli attuali soggetti gestori hanno tempo fino al 30 giugno 2017 per adeguarsi alle nuove disposizioni. Qualità delle cure e qualità del lavoro devono andare di pari passo: questo decreto segna una svolta importante nei diritti per migliorare l’assistenza e la dignità del lavoro.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica