17 luglio 2017 Liste d’attesa: visite ed esami anticipati per 177mila persone Nei prossimi quattro mesi saranno richiamate 177mila persone per anticipare una visita o un esame. Dalle ecografie alle visite cardiologiche e oculistiche, sarà possibile effettuarle entro dieci giorni

di Mauro Evangelisti, il Messaggero, 17 luglio 2017

IL FOCUS
Se avete prenotato un esame o una visita medica e, magari, come purtroppo succede nella sanità laziale, avete l’appuntamento tra qualche mese, in questi giorni riceverete una telefonata dalla Regione. Vi chiederanno se siete disponibili ad anticipare l’appuntamento nei prossimi dieci giorni. In totale, sono 177mila le telefonate che in quattro mesi saranno effettuate agli utenti per proporgli un appuntamento più rapido.

SPEGNI E RIACCENDI
A cosa serve questa operazione? Ad azzerare le attese, una sorta di “spegni e riaccendi” per poi partire con una riforma del sistema che prevede che il medico, subito dopo la visita, fissi lui stesso l’appuntamento per una prestazione (un esame o una visita da uno specialista). Se invece si parla di prestazioni periodiche, controlli che ciclicamente il paziente deve svolgere, a quel punto si segue un canale differente, evitando di mettere in competizione chi ha necessità di un esame urgente e chi invece può tranquillamente programmare. Solo la pratica dimostrerà che questo nuovo sistema può funzionare, ma per avviarlo serve un azzeramento delle attese su una serie di prestazioni.

Per questo da qualche settimana e per quattro mesi ci saranno le chiamate agli utenti per anticipare esami o visite.

Ma quali sono le prestazioni per le quali si sta operando per smaltire le chilometriche liste di attesa? Prima di tutto ci sono otto tipi di ecografie: diagnosi ecografica del capo e del collo, ecografia della mammella bilaterale e monolaterale, ecografia dell’addome superiore, ecografia dell’addome inferiore, ecografia dell’addome completo, ecografia ostetrica ed ecografia ginecologica. Alcuni numeri per comprendere quanto sia grave la situazione: nelle solo asl romane ci sono 46.500 cittadini in attesa di una ecografia, con il record dell’Asl Roma 1 (17.308) e dell’Asl Roma 2 (17.875). Si sfiora quota 66 mila se si conteggiano anche le aziende sanitarie di Latina, Viterbo, Frosinone e Rieti.

Per questo riguarda le visite specialistiche, in questo caso si è deciso di intervenire su quelle cardiologiche, dermatologiche e oculistiche, anticipando dunque gli appuntamenti. Anche qui si parla di numeri altissimi: per l’oculista stanno aspettando in 52 mila, con un tempo medio di attesa di 85 giorni. Per il dermatologo, siamo a 25 mila e il tempo medio di attesa è di 47 giorni. Infine, c’è la visita cardiologica: 35 mila pazienti aspettano il loro turno, con un tempo medio di attesa di 63 giorni. In sintesi: ci sono 35mila persone a Roma e nel Lazio che necessitano di una visita del cardiologo ma devono aspettare due mesi.

CANALI
“Va detto – osserva Alessio D’Amato, direttore della Cabina di regia della sanità della Regione Lazio analizzando i dati – che proprio dalle risposte che fino ad oggi abbiamo ricevuto alle chiamate possiamo evincere che non tutte sono urgenze, una parte sono visite programmate per le quali l’attesa non viene considerata un problema dal cittadino”. In effetti, nelle prime 5mila chiamate effettuate, solo un paziente su 4 ha accettato di anticipare la visita entro dieci giorni come proposto dalla Regione. La filosofia in futuro sarà creare canali differenti tra chi svolge dei controlli programmati (e dunque non ha problemi di urgenza) e chi invece deve svolgere la prestazione nel più breve tempo possibile. Dice il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti: “Sui conti e sulla qualità delle cure abbiamo ottenuto dei miglioramenti, ora la sfida è il governo delle liste di attesa. Chiediamo a tutti maggiore impegno”.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet