9 dicembre 2014 Tre miliardi di gare: nessuna aggiudicata a società sotto indagine Dalle verifiche sulla Centrale unica degli acquisti è emerso che nessuna gara è stata aggiudicata a società sotto indagine. Le verifiche continuano sulle altre stazioni appaltanti non gestite direttamente dalla Regione

Completate le prima verifiche effettuate sulle gare della Regione.

Per quanto riguarda la Centrale Unica degli Acquisti. Dal maggio 2013 sono state bandite 18 gare per un importo complessivo di circa 3 miliardi di euro: nessuna di esse è stata aggiudicata ad una delle società attualmente sottoposte a indagini nell’ambito dell’operazione denominata “Mondo di Mezzo”.

La verifica sulle stazioni appaltanti. La verifica richiesta dalla Regione ha evidenziato che da quando si è insiediata questa amministrazione, nel marzo 2013, non sono state bandite gare poi vinte dalle società coinvolte nell’inchiesta “Mondo di Mezzo”. La direttrice della Centrale Unica degli Acquisti ha quindi scritto a tutte le stazioni appaltanti dipendenti dalla Regione Lazio di dare corso regolarmente alle attività in essere in modo tale da evitare i rischi connessi al blocco delle aggiudicazioni o eventuali proroghe dei contratti in corso.

Riguardo all’appalto di 60 milioni di euro per l’acquisto del Servizio Cup per le Aziende Sanitarie della Regione Lazio, citato nelle intercettazioni messe agli atti delle indagini come oggetto di attenzione da parte di società inquisite, la gara non è stata ancora aggiudicata in quanto non sono ancora state completate le operazioni di valutazione da parte della commissione di gara, e che quelle finora svolte sono regolari. In considerazione però del fatto che fattori esterni all’Amministrazione avrebbero potuto generare dubbi sulla trasparenza o, peggio, prefigurare tentativi di infiltrazione mafiosa, la Direttrice della Centrale Acquisti ha disposto la revoca immediata della gara e la sua relativa immediata ribanditura.

Per quanto riguarda la gara del Multiservizi tecnologico, ancora in fase di valutazione e non assegnata, vista l’importanza del bando e l’entità economica dell’appalto, la Regione  chiederà la vigilanza collaborativa all’Anac, Autorità Nazionale Anti Corruzione, presieduta da Raffaele Cantone.

 

 

 

 


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica