24 febbraio 2014 Nuovi medici ispettori per garantire trasparenza e regolarità, nella sanità basta truffe e rimborsi gonfiati In passato le cartelle cliniche sono state spesso modificate per ottenere rimborsi maggiori. Si tratta di una grave truffa a danno del servizio sanitario regionale. Per questo, abbiamo affidato a 30 ispettori il compito di controllare attività e prestazioni di ospedali e ambulatori

Le cartelle cliniche truccate e i rimborsi maggiorati scoperti in passato hanno rappresentato una  truffa contro il nostro sistema sanitario.

Per questo, abbiamo affidato a trenta medici supervisori il compito di controllare i ricoveri e le prestazioni erogate dagli ospedali pubblici, privati e convenzionati e dalle strutture specialistiche.

Una squadra di ispettori per verificare la regolarità delle cartelle cliniche.

È il numero di controllori più alto che la nostra Regione abbia mai avuto. Questa nuova squadra di supervisori della sanità regionale dovrà esaminare almeno il 12.5 % delle prestazioni fornite da ogni struttura.

Saranno esaminate circa 150mila cartelle cliniche di ricoveri, e se saranno riscontrate delle incongruenze, gli ispettori sono autorizzati ad ampliare i controlli.

Una decisione che dimostra il nostro impegno per aumentare i controlli sulle attività degli ospedali, prevenire raggiri e truffe e garantire trasparenza e legalità ad ogni livello.

 


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet