5 luglio 2011 Apre Porta Futuro: vince il merito

Apre ‘Porta Futuro’, il nuovo centro di servizi per il lavoro aperto da oggi a Testaccio: un nuovo e moderno luogo per l’orientamento, la formazione e il lavoro. Nato sulla scia di ‘Porta 22’ di Barcellona, la struttura garantirà l’empowerment dei cittadini e delle imprese della provincia capitolina che potranno investire su creatività, innovazione, sviluppo e riconversione ecologica. ‘Porta Futuro’ si sviluppa su circa 1.800 metri quadri ed è dotata di postazioni informatiche, zona relax e baby space, free wi-fi e un sistema video integrato.

Porta Futuro ha tutto il necessario per favorire l’empowerment ed i percorsi di crescita professionale. Gli utenti più autonomi (selezionati attraverso un processo chiamato ‘triage’) possono così gestirsi da soli, permettendo allo staff del centro di concentrarsi su chi ha maggior bisogno di supporto.

Porta Futuro nasce per offrire strumenti e risorse per costruire la propria crescita professionale, per favorire la ricerca di lavoro e lo sviluppo delle carriere, offrendo dati precisi e aggiornati sul mercato del lavoro e sulle nuove opportunità collegate allo sviluppo economico territoriale. In particolare il nuovissimo centro per l’orientamento e il lavoro della Provincia di Roma si rivolge ai giovani, ai disoccupati, ai disabili e ai migranti, agli occupati che vogliono aggiornare le proprie competenze professionali e alle imprese. Sono previsti anche servizi dedicati per fasce d’età.

In questo modo dentro Porta Futuro è possibile soddisfare i bisogni di target cosiddetti ‘sensibili’: non solo disoccupati e disabili (che sono tra i clienti tradizionali dei Centri Per I’Impiego), ma anche migranti, occupati che vogliono cambiare lavoro, imprese. Particolarmente interessante è il richiamo ai servizi per fasce d’età (studenti, giovani, adulti, anziani). La novità è il sistema di classificazione degli utenti che tradizionalmente in Italia si fa per durata di disoccupazione, mentre a Porta Futuro vengono prese in considerazione caratteristiche personali (immigrati, gente che vuole cambiare lavoro), fasi di vita (studenti), posizioni di mercato (imprese).

Ad arricchire l’esperienza di Porta Futuro anche un accordo siglato a maggio tra la Provincia di Roma e la Camera di Commercio di Roma per creare un censimento dei fabbisogni delle imprese, specialmente di dimensioni piccole e medie, in termini di tecnologie, infrastrutture e skills/formazione dei lavoratori. In questo modo la Provincia e la CCIAA avvieranno iniziative per lo sviluppo del settore della formazione continua e dei centri per l’impiego, con l’obiettivo di permettere l’immediata attivazione di “Porta Futuro” quale punto di attrazione di risorse umane qualificate verso le imprese della provincia di Roma.

“Questo luogo – ha detto Nicola alla platea degli operatori economici – produrrà moltissimo se la città e gli attori economici e sociali ci crederanno e lo useranno facendolo diventare un luogo di rilancio della nostra economia. La solitudine di chi è in cerca di lavoro lascia le persone in balia delle raccomandazioni o dei soprusi”.

Nicola ha lanciato quindi un appello a “fare sistema, a mettere insieme le eccellenze attraverso le tecnologie. Abbiamo realizzato un nuovo servizio pubblico dimostrando che c’è anche il tema della qualità della spesa: ottimizzando le risorse abbiamo dimostrato che si può fare. Chi non lo fa sbaglia, governa male”.

Alla cerimonia di inaugurazione ha partecipato anche il presidente della Camera di commercio di Roma, Giancarlo Cremonesi: “Sottolineo la lungimiranza con cui la Provincia ha creduto in questa iniziativa che può dare frutti importanti, alla città, alle imprese e ai giovani. Abbiamo sposato la causa perché ne abbiamo capito l’importanza. Credo fermamente che questa iniziativa avrà successo”. Cremonesi ha preso “l’impegno per le 440mila imprese della Camera di commercio a seguire con la dovuta attenzione questa iniziativa. Si tratta di un pezzo che mancava alla città un luogo per l’Italia innovativa”.

La Provincia di Roma ha investito, negli ultimi tre anni, 180 milioni di euro nel settore della formazione: perché la crisi economica si combatte anche in questo modo. Sono stati messi in campo per la formazione dell’obbligo 45,6 milioni di euro, grazie ai quali sono stati attivati 434 corsi. 680 i docenti e circa 9mila gli studenti impegnati. Grazie ai bandi finanziati dal Fondo Sociale Europeo, sono stati investiti altri 50 milioni di euro per introdurre novità importanti come, ad esempio, il cosiddetto ‘reddito per il cittadino in formazione’: 5mila i cittadini coinvolti che, seguendo i corsi, hanno ricevuto un assegno di circa 500 euro al mese per sei mesi.

C’è poi la formazione on demand (corsi progettati dalle aziende e finanziati dalla Provincia) per la quale sono stati spesi oltre 10 milioni. Seicento le aziende coinvolte, per un totale di circa 6mila dipendenti. Altra innovazione è l’apprendistato professionalizzante, un contratto che permette ai ragazzi tra i 18 e i 29 anni di lavorare e formarsi allo stesso tempo. La Provincia di Roma ha poi aumentato dell’80% il contributo da destinare alle imprese per la formazione e ha stanziato un premio di 4mila euro per ogni azienda che assume un giovane a tempo indeterminato.

Tra la Capitale e gli altri Comuni della provincia, inoltre, sono attivi 48 Col (Centri orientamento al lavoro), che svolgono un ruolo di indirizzo e sostegno per migliaia di cittadini. Dal 2008 la rete dei Col è stata riorganizzata e sono stati aperti 8 nuovi centri. Per quanto riguarda la sicurezza dei luoghi di lavoro, investiti un milione e 200mila euro, con la collaborazione stretta di Asl e Ctp.

La struttura è dotata di una rete di pannelli solari che permetterá nei prossimi mesi di coprire almeno per il 60% la sua richiesta di energia.

Il centro, i cui servizi sono gratuiti, è aperto al pubblico dal lunedí al giovedí dalle ore 9 alle ore 19, e il venerdí e sabato dalle ore 10 alle ore 22.

Si può accedere a Porta Futuro da tre differenti ingressi: via Volta, via Galvani e Piazza Giustiniani.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica