17 novembre 2016 Continuiamo a sostenere l’aerospazio, un settore fondamentale per lo sviluppo del Lazio Fin dall’inizio della nostra missione abbiamo concentrato su questo settore ad altro tasso d’innovazione e con una forte vocazione internazionale una parte importante dei nostri sforzi e delle risorse disponibili. Oggi abbiamo presentato due azioni importanti che fanno parte di questa strategia

L’aerospazio e la “space economy” rappresentano un settore privilegiato per la rigenerazione, la crescita e lo sviluppo del Lazio. Per questo, fin dall’inizio della nostra missione, abbiamo concentrato su questo settore ad altro tasso d’innovazione e con una forte vocazione internazionale una parte importante dei nostri sforzi e delle risorse disponibili. Oggi abbiamo presentato due azioni importanti che fanno parte di questa strategia.

Ancora insieme all’European Space Agency e all’Agenzia Spaziale Italiana. Siamo stati i primi in Italia a portare avanti un programma d’incubazione sull’aerospazio e al momento siamo ancora l’unica regione italiana coinvolta. Oggi abbiamo rinnovato l’accordo con Esa e Asi per il nuovo programma di incubazione di startup allo Spazio Attivo Roma Tecnopolo, comprensivo di call da 500.000 euro. L’obiettivo è replicare il successo delle scorse edizioni con cui abbiamo sostenuto la nascita di 20 imprese tecnologiche avviate con successo sul mercato.

Il bando per aerospazio e sicurezza. L’altra azione che presentiamo oggi è questo bando da 7,9 milioni di euro Por Fesr 2014-2020. È il terzo bando che presentiamo del programma per l’industria 4.0 e la reindustrializzazione da 150mln, dopo i due già pubblicati e ancora aperti per la mobilità sostenibile (16,5 milioni) e le scienze della vita (18,5 milioni).

Sosteniamo lo sviluppo di nuove tecnologie e nuovi prodotti negli ambiti dell’avionica, dell’aerospazio e della sicurezza. Mettiamo a disposizione delle imprese del Lazio 7,9 milioni di euro di fondi comunitari per sostenere il riposizionamento competitivo delle singole aziende o delle loro aggregazioni. Il bando sarà pubblicato il 22 novembre; tutti gli interessati potranno presentare domanda a partire da metà dicembre. I beneficiari sono le micro, piccole, medie imprese (inclusi i liberi professionisti); grandi imprese; organismi di ricerca e diffusione della conoscenza.

Dimostriamo l’impegno della Regione per favorire lo sviluppo dei settori più innovativi e agevolare mutamenti strutturali e di lungo periodo del nostro sistema economico. Superando vecchi modelli di finanziamento a pioggia, ottimizzando le risorse comunitarie e concentrando le risorse su interventi mirati in grado di valorizzare il merito e determinare mutamenti strutturali del mondo del lavoro e dell’impresa.

 


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica