11 dicembre 2014 Migliaia di posti in più nei nuovi treni del Lazio. I cittadini devono spostarsi con dignità 26 nuovi treni per i pendolari del Lazio: consegnato il dodicesimo, sulla linea Roma-Nettuno. I nuovi treni hanno decine di migliaia di posti in più, sono più puliti e più accoglienti

Consegnato il dodicesimo treno Vivalto, viaggerà sulla linea Roma – Nettuno. Si tratta del quarto treno di nuova generazione che entra in esercizio sulla tratta Roma-Nettuno, una delle più utilizzate dai pendolari per i collegamenti da e verso la Capitale, sulla quale è stata aggiunta l’ottava carrozza ad alcuni convogli. In questo modo possiamo anche andare incontro alle esigenze dei comitati dei pendolari che da tempo chiedono interventi incisivi per ridurre il sovraffollamento dei treni negli orari di punta. Stiamo consegnando in tutto 26 nuovi treni per i pendolari.

Ecco tutte le novità dell’orario invernale:

Per la linea Viterbo-Roma via Orte. Viaggeranno 5 coppie di treni con 5 vetture anziché 4. In questo modo aumentiamo anche i posti a disposizione, che passano da 4.700 a 6.000, con un incremento dell’offerta del 28%.

Per la FL3 Roma-Cesano-Viterbo. Viaggeranno 6 treni con sei vetture anziché 5 , in questo caso i posti passano da 3.600 a 4.200, con un incremento del 17%.

Per la FL2 Roma-Tivoli-Guidonia. Nella fascia di punta viaggerà una nuova coppia di treni tra Roma e Guidonia e una coppia di treni prolungati da Lunghezza a Bagni di Tivoli. In questo modo aumentiamo anche qui i posti disponibili, che passano da 58.500 a 60.000 con un aumento del 3%.

Per la FL5 Roma-Ladispoli-Civitavecchia. Su questa linea ci sarà una nuova coppia di treni tra Ladispoli e Ponte Galeria ed un nuovo treno da Ladispoli a Roma Tiburtina. In questo caso aumentiamo da 62.700 a 64.200 i posti offerti sulla linea, con un incremento del 3%.

Sulla FL8 Roma-Nettuno. Viaggerà un nuovo treno da Nettuno a Roma Termini e tutti i convogli saranno composti da 8 vetture con aumento da 60.000 a 63.000 dei posti a disposizione ogni giorno, pari ad un incremento del 5%; sulla FL1 Fiumicino-Roma-Orte abbiamo prolungato un treno da Fara Sabina a Orte. Più confort e sicurezza anche per la FL6 Roma-Frosinone-Cassino, con sei nuove vetture Vivalto che sostituiscono le vecchie vetture.

Prolungamento da Roma Ostiense a Roma Tiburtina della FL3 Roma – Viterbo. Con il prolungamento e l’inserimento della fermata Tuscolana, finalmente Roma ha una nuova linea passante che, collegando la zona Nord Ovest della città con il versante Est, si configura come un vero e proprio servizio metropolitano. Con questo incremento dell’offerta possiamo andare incontro alle esigenze di circa 20.000 passeggeri in più. In particolare si tratta di 29 treni nuovi  da e verso l’area metropolitana e all’interno di Roma. Di questi, 19 partono da Cesano e 1 da Bracciano e arrivano a Tiburtina, 5 partono da Monterotondo e arrivano a Cesano, 4 partono da Cesano e arrivano a Monterotondo.

Importanti novità anche per il Leonardo Express, il collegamento no-stop tra l’aeroporto “Leonardo Da Vinci” e Roma Termini: dal 14 dicembre i treni in transito ogni giorno passano da 70 a 88, con un aumento del 26% dell’offerta e dei posti a disposizione,che passano da 42.000 a 53.000. dal 12 luglio 2015, inoltre, i treni no-stop da Roma a Fiumicino passeranno da 88 a 110 convogli al giorno, con un aumento del 25% dell’offerta ovvero da 53.000 a 66.000 posti al giorno a disposizione. E’ una risposta importante anche per chi viaggia verso Fiumicino sulla FL1, tratta utilizzata dai turisti e dai viaggiatori diretti all’aeroporto.

Collegamenti più moderni dell’alta velocità ferroviaria con l’aeroporto di Fiumicino. Il 14 dicembre parte la sperimentazione di due coppie di treni ad alta velocità diretti tra Fiumicino e Venezia, con fermate a Roma, Firenze e Bologna: è la base per il rilancio competitivo del principale aeroporto internazionale italiano e dei trasporti verso la Capitale.

Investire nel trasporto pubblico su ferro vuol dire anche fare del bene all’ambiente, poiché il treno produce il 90% di emissioni inquinanti in meno rispetto ai tradizionali veicoli su gomma, e anche diminuire il traffico sulle principali arterie stradali di accesso alla Capitale. Si tratta di una vera e propria “rivoluzione culturale” che ha l’obiettivo di incentivare il ricorso al trasporto pubblico su ferro.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet