13 novembre 2013 La nuova Regione Lazio paga i debiti alle imprese e semplifica l’accesso alle risorse Un’altra buona notizia per la nostra economia : arrivano 3 miliardi di euro subito disponibili per pagare alle imprese i crediti ‘ex decreto 35’. Stiamo rispettando pienamente l’impegno assunto per far ripartire le imprese abbattere il debito della Regione

Quando siamo arrivati alla Regione, abbiamo trovato una macchina strozzata dai debiti, 12 miliardi di euro accumulati che abbiamo ereditato.

Questa cifra enorme è un vero e proprio macigno per la nostra economia.

Abbiamo deciso di intervenire subito, siamo stati i primi a sottoscrivere l’accordo con il Governo. In questo modo stanno già arrivando 3 miliardi di euro alle imprese e agli enti locali, stiamo pagando i debiti accumulati negli anni scorsi.

Ecco alcuni numeri che ci permettono di descrivere meglio il nostro impegno.

5 miliardi di euro. E’ la cifra che il governo ci sta trasferendo in successive tranche: la prima, questa estate, per 1,7 miliardi di euro. La seconda, in corso, per 2 miliardi di euro. La terza all’inizio del 2014.

Altri 3 miliardi di euro nel 2014. Li abbiamo richiesti al Governo, sulla base delle nuove risorse liberate nelle scorse settimane.

Il totale a cui puntiamo è di 8,3 miliardi di euro investiti nel corso di un anno per le imprese del territorio.

Ora però la rapidità con cui queste risorse vengono poi effettivamente erogate alle imprese è un fattore decisivo.

Per questo abbiamo fatto un accordo con l’Abi, l’associazione delle banche italiane. Così le imprese avranno la possibilità di rivolgersi alle banche per richiedere il pagamento anticipato dei crediti vantati, dopo aver avuto l’ok della Regione.

Il tema delle risorse per lo sviluppo è ovviamente un tema centrale della politica economica che stiamo portando avanti, ma è soprattutto un grande tema per l’Italia. Rimettere risorse nel motore dell’economia dovrebbe essere l’assillo del dibattito politico che invece troppo spesso si occupa di altro. Senza risorse per le imprese non ci sono investimenti, non c’è sostegno all’imprenditorialità, non c’è nuova occupazione e non c’è ripresa.

Oltre a investire nuove risorse vogliamo rendere più semplici e più veloci le procedure di accesso ai finanziamenti per le imprese. Un esempio? Una pratica costava all’azienda regionale Bil 6mila euro, contro i 1000 del mercato, questo cambierà.

E poi l’impegno più importante, abbattere il debito della Regione e ridurre le spese.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica