14 marzo 2013 Comodato d’uso gratuito a Peter Pan, no allo sfratto della struttura che accoglie i bimbi malati di tumore Peter Pan tornerà a volare. E' un esempio di quello che vogliamo costruire nel Lazio per l’integrazione sociosanitaria. Bisogna utilizzare la meravigliosa rete di solidarietà del volontariato, per costruire una sanità più efficiente e vicina alle persone

Peter Pan tornerà a volare.

Non c’è più nessun rischio di sfratto per la struttura che ospita a Roma i bambini malati di tumore e le loro famiglie.

La prima cosa che ho voluto fare da presidente della Regione è stata quella di visitare la struttura di Peter Pan e garantire che la Regione Lazio concederà in comodato d’uso gratuito la struttura dove ha sede la Casa di Peter Pan, in via San Francesco di Sales, a Roma.

Nei mesi scorsi l’Irai, società che fa capo per il 70 per cento alla Regione, ha chiesto alla onlus un adeguamento del canone d’affitto portandolo da 6.000 a 25.000 euro al mese, una cifra impossibile da corrispondere.

La Casa di Peter Pan è un esempio di quello che vogliamo costruire nel Lazio per l’integrazione sociosanitaria. Bisogna utilizzare la meravigliosa rete di solidarietà del volontariato, per costruire una sanità più efficiente e vicina alle persone.

Ricoverare un bambino costerebbe mediamente oltre 1200 euro, mentre effettuare il day hospital e poi riaccompagnare il bambino presso la struttura Peter Pan riduce i costi a circa 250 euro. Tutto questo per consentire ai piccoli un approccio meno doloroso e la possibilità di vivere la loro malattia nel modo meno traumatico possibile grazie all’amore, alla dedizione e all’affetto dei volontari.

Ora troveremo altre strutture come quelle di Peter Pan che possono essere protagoniste di un nuovo modello di sanità.

La Regione farà la sua parte e lo farà in fretta.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet