15 maggio 2014 Mille posti letto nelle residenze universitarie e borse di studio pagate in tempo Ecco il nostro piano per il diritto allo studio

L’anno scorso, quando siamo arrivati, abbiamo trovato una Regione che disperdeva risorse senza investire sul futuro dei nostri studenti. Generazioni intere hanno pensato solo a se stesse e non ai giovani. Abbiamo deciso di invertire la rotta per dare ai nostri ragazzi le stesse opportunità dei loro colleghi europei.

Abbiamo pagato tutte le borse di studio. C’erano studenti che aspettavano dal 2008. In pochi mesi abbiamo cancellato questa vergogna e oggi facciamo un altro grande passo avanti. Vogliamo dimostrare che le cose si possono fare, solo così possiamo ripartire.

913 nuovi posti letto per gli studenti. È un grande risultato: aumentiamo i posti letto del 50% e in questo modo diamo finalmente una risposta a tutti gli studenti, nessuno rimarrà senza alloggio. Realizziamo 3 nuove residenze e ne ristrutturiamo 2 tra Roma e Cassino. E poi miglioriamo i servizi, con nuove mense e servizi di ristorazione per gli studenti.

Investiamo in tutto 96,5 milioni di euro.

Ecco il nostro piano:

Tre nuove residenze. Una, da 240 posti, aprirà in località Pietralata/Sdo e costerà 18,6m mlioni di euro. Un’altra, da 200 posti, aprirà tra il Valco San Paolo e il vicolo Savini e costerà 22,3 milioni. La residenza Campus Folcara che aprirà a Cassino, infine, avrà 146 posti e costerà 8,4 milioni.

Lavori di ristrutturazione e messa a norma. Gli interventi riguarderanno la residenza universitaria Boccone del Povero, da 73 posti letto, e  la ex Civis in Viale Affari Esteri, da 254 posti letto. Investiamo 3 milioni di euro per la prima e 9,5 milioni per la seconda.

Nuove mense. Una per gli studenti della facoltà di Architettura della ‘La Sapienza’ e l’altra per gli studenti dell’Università del Foro Italico. E poi facciamo nuovi affidamenti per i servizi di ristorazione dell’università Sapienza in via del Castro Laurenziano e in via delle Sette Sale e per quelli di Roma Tre in via della Vasca Navale. Nuovi affidamenti anche per i servizi di ristorazione dell’università di Viterbo e per quelli del Polo distaccato della Sapienza a Latina .

Sbaglia chi dice che con la cultura non si mangia. Affrontare i grandi problemi strutturali della nostra Regione significa anche tornare ad essere competitivi. E questo è ancora più importante quando si parla di giovani. Vogliamo chiudere la fase in cui il Lazio ha rappresentato un esempio negativo per l’Italia. Inizia una fase nuova, per essere utili al Paese.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet