2 luglio 2008 Roma: l’area vasta nuova frontiera di sviluppo

“Serve una nuova frontiera di crescita: Roma ha avuto il coraggio di esprimere la sua vocazione di sviluppo diventando locomotiva d’Italia”. Con queste parole Nicola ha aperto il suo intervento alla conferenza annuale 2008 dell’ACER – Associazione Costruttori Edili di Roma e provincia. ”
“L’area vasta può essere un nuovo e straordinario paradigma di sviluppo”. E’ questo il messaggio lanciato da Nicola, che ha ricordato come, anche in considerazione della crescita della popolazione nell’hinterland della capitale, occorra “puntare sullo sviluppo dell’area vasta perché finora ad una crescita della popolazione non è corrisposta una crescita adeguata dei servizi. Se c’è il caos fuori Roma ci sarà il caos anche a Roma. L’hinterland romano è una grande potenzialità anche per lo sviluppo turistico ed è nell’area vasta che si potrebbero collocare delle infrastrutture e portare servizi per decongestionare la capitale”.
 ”
“Reinventarsi senza tradirsi”: questa la ricetta di Nicola “come ha fatto la Torino post Fiat e la Milano metallurgica che ha vinto l’Expo 2015, Roma e la sua area vasta devono lavorare insieme. La missione è quella di cogliere le opportunità che ci sono: riprendiamoci il mare che non può essere mortificato, facciamo in modo che le infrastrutture seguano l’aumento della popolazione dell’hinterland e riqualifichiamo i settori che producono ricchezza come la rete alberghiera fuori Roma
 ”
Alla platea dell’Acer, Nicola ha poi ricordato che la Provincia di Roma farà la sua parte per modernizzare le infrastrutture e mettere in campo 400 milioni di investimenti per potenziare i trasporti e modernizzare treni e circa 2.500 chilometri di strade.
 ”
Al presidente dell’ACER Giancarlo Cremonesi, che suggeriva alla Provincia di Roma, nel suo discorso, di valorizzare il patrimonio scolastico Nicola ha risposto: “Siamo pronti sulla valorizzazione del patrimonio scolastico, sul quale ha lavorato il presidente Gasbarra. Vogliamo ricollocare il patrimonio scolastico dove oggi ci sono gli studenti per questo pensiamo  ” a quattro campus nei quali ci sia un’offerta di formazione anche finalizzati a fare tornare da noi i cervelli”.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica