27 agosto 2009 “Contro l’intolleranza serve una risposta culturale. Propongo una fiaccolata unitaria”

“C’è uno strettissimo legame tra l’intolleranza verso gli extracomunitari e gli attacchi di questi giorni alla comunità gay. Propongo una grande fiaccolata contro ogni forma di razzismo, di intolleranza, di xenofobia e di omofobia. Una manifestazione in cui si ritrovino insieme il Comune, la Provincia, la Regione, il cardinale vicario di Roma, il rabbino capo, l’imam della moschea, le associazioni dei gay, degli immigrati e i sindacati, tutta la società civile per chiarire chi colpisce il diverso colpisce anche noi. Penso a questa manifestazione come ad un segno importante di una rivolta culturale e morale della città, come ad una tappa da cui ripartire per rilanciare i diritti inalienabili della persona, base della convivenza civile. Perché il problema non è solo giudiziario e di ordine pubblico”.
Così Nicola ha commentato ” gli ultimi episodi di omofobia che si sono verificati nella Capitale, in un’intervista pubblicata dal quotidiano ‘La Repubblica’.
 ”
“Le telecamere – ha aggiunto ” – possono anche servire, ma la vera battaglia è culturale. Nell’ultimo anno e mezzo abbiamo avuto militari, ronde, pattuglie ma la situazione non è migliorata. Bisogna negare i finanziamenti a gruppi che ancora non hanno acquisito il valore della diversità e sostenere invece la rete associativa del territorio, potente deterrente alla discriminazione. Altrimenti avremo una città sempre più violenta e, dunque, anche meno sicura. Roma è tollerante per sua cultura, ma adesso sta tradendo questa grande vocazione. I responsabili sono quelli che hanno strizzato l’occhio a posizioni xenofobe e intolleranti”.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet