24 febbraio 2010 Sport e scuola: palestre per tutti

L’intervista a Nicola sul ‘Corriere dello Sport’ – 24 febbraio

La Provincia di Roma spinge sull’acceleratore dell’impiantistica sportiva legata agli istituti scolastici. Nei prossimi giorni verrà inaugurata la prima struttura realizzata grazie al metodo del Project Financing, progetto reso possibile dalla delibera dell’aprile dello scorso anno dell’amministrazione provinciale. E’ quella dell’Istituto Benedetto Croce di Roma che, grazie a un investimento di circa 420.000 euro, è stato dotato di campo sportivo polivalente coperto e di spogliatoio. Il meccanismo individuato è semplice e soprattutto a costo zero per l’Amministrazione. Perché gli investimenti sono a carico delle Associazione sportive dilettantistiche, che così avranno a disposizione nuovi impianti da utilizzare al di fuori degli orari scolastici.

«Sembra l’uovo di Colombo – ci spiega Nicola Zingaretti, presidente della Provincia – Ma con questo progetto riusciremo a migliorare la qualità delle strutture sportive pubbliche e allo stesso tempo incrementare l’offerta di base per le esigenze di quartiere. Si tratta di interventi pubblici gestiti dall’associazionismo privato con i quali si favorisce anche il recupero di vecchi impianti sportivi annessi a istituti scolastici della Provincia. A dicembre poi il Consiglio provinciale ha approvato la realizzazione di quattro tensostrutture che sorgeranno a Cerveteri, Olevano Romano e nella Capitale, nel IV e VII Municipio, per una spesa prevista di 2,6 milioni», Sono trecento gli istituti scolastici in Provincia. Interessati alla realizzazione di nuovi impianti sportivi alcuni istituti tecnici di Civitavecchia, Acilia e Velletri.

«Gli interventi sono distribuiti nell’arco di tre anni. E non mi vergogno a definire questa iniziativa rivoluzionaria. – spiega Zingaretti – Perché da un lato valorizza il patrimonio pubblico dell’edilizia sportivo- scolastica, dall’altro dà sfogo alle sacrosante necessità dell’associazionismo dando loro la possibilità di fruire di impianti di base che altrimenti resterebbero inutilizzabili al di fuori degli orari scolastici. Con il vantaggio di migliorare anche la gestione e la manutenzione delle strutture».

Mattina impianti aperti per l’attività didattica, pomeriggio a disposizione del territorio con gestione da parte delle Associazioni sportive concessionarie, alle quali vengono applicate tariffe stabilite dall’Amministrazione provinciale. Il progetto sta muovendo ora i primi passi, ma per il futuro Zingaretti è ambizioso: «Siamo ancora in una fase sperimentale, tuttavia siamo soddisfatti dai segnali giunti finora. Se continuiamo in questa direzione è nostra intenzione allargare gli interventi a un numero sempre maggiore di istituti della Provincia».

Insomma, sembra accorciarsi il divario tra sport di livello e sport effettivamente praticato a Roma e provincia. E per allinearsi ad altre realtà europee non si poteva che partire dalla scuola, allargando contemporaneamente l’offerta all’associazionismo di base.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet