8 marzo 2010 8 marzo, Nicola: “Nessuno deve essere subalterno all’altro”

"Il movimento delle donne è stato rivoluzionario quando ha saputo cogliere ciò che nel nostro paese andava cambiato. Non è assolutamente un movimento rivendicativo dei diritti di qualcuno. Avere affrontato oggi il tema della differenze culturali è un modo di lottare contro ogni tentativo di omologazione alla subalternità di un unico modello". Così Nicola ha ricordato la giornata dell’8 marzo.
"In realtà – ha ricordato Nicola – nei paesi più avanzati tutto è basato sulla meritocrazia, su chi puo’ dare e chi puo’ dare meglio. Combattendo la diversità c’è il rischio di un declino culturale. La battaglia sull’uguaglianza delle donne è stata superata – ha aggiunto – Il tema vero non è più quello di costruire un mondo uguale ma di accettare che il genere umano e’ fatto di due generi, uno maschile e uno femminile. Occorrono politiche sociali di un certo tipo ma soprattutto costumi culturali diversi che non obblighino nessuno ad essere subalterno all’altro".


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica