19 dicembre 2016 24 milioni in tre anni per progetti di inclusione sociale, non lasciamo sole le persone Non vogliamo lasciare sole le persone in difficoltà, è lo stanziamento messo a bando dalla Regione nell'ambito del POR FSE 2014-2020 e destinato a soggetti del Terzo settore per la realizzazione di progetti di presa in carico, orientamento e accompagnamento. Si stima che a beneficiarne saranno tra le 2000 e le 2500 persone in particolari condizioni di vulnerabilità e fragilità sociale

24 milioni di euro in tre anni per percorsi individuali di inclusione sociale attiva di giovani senza lavoro, giovani con disabilità, donne vittime di violenza e detenuti a fine pena. È lo stanziamento messo a bando dalla Regione nell’ambito del POR FSE 2014-2020 e destinato a soggetti del Terzo settore per la realizzazione di progetti di presa in carico, orientamento e accompagnamento. Si stima che a beneficiarne saranno tra le 2000 e le 2500 persone in particolari condizioni di vulnerabilità e fragilità sociale.

In particolare:

  • 10 milioni saranno destinati a giovani adulti tra i 18 e i 35 anni con disabilità e/o disagio psichico medio-grave;
  • 8 milioni andranno a giovani tra i 18 e i 29 anni in condizioni di disagio economico e sociale (inoccupazione persistente, famiglie multiproblematiche, condizioni a rischio per uso stupefacenti e micro criminalità);
  • 2 milioni finanzieranno i progetti rivolti a donne vittime di violenza prese in carico dalla rete antiviolenza e avviate verso percorsi di autonomia;
  • 2 milioni andranno a detenuti in via definitiva tra i 16 e i 24 anni senza aggravanti di pericolosità sociale a 6/9 mesi dal fine pena, mentre altri 2 milioni sosterranno il recupero sociale di detenuti con gli stessi requisiti ma un’età compresa tra i 25 e i 54 anni.

I percorsi individuali dureranno 12 mesi, impegneranno le persone beneficiarie per 600 ore e dovranno prevedere una presa in carico personalizzata, un percorso di orientamento e couseling, progetti individualizzati di accompagnamento formativo e lavorativo, sostegno psicologico e familiare e laboratori di sviluppo delle competenze personali.

L’avviso pubblico è suddiviso in tre annualità: i primi 9,6 milioni sono messi a bando subito (il termine per la presentazione delle proposte è il 15 febbraio 2017), altri 9,6 milioni verranno messi a disposizione nel 2018 (la finestra di presentazione dei progetti andrà dal 19 febbraio al 9 marzo 2018) mentre i rimanenti 4,8 milioni andranno a bando tra il 18 febbraio e l’11 marzo 2019. Ciascun progetto presentato da soggetti del Terzo settore potrà avere un importo massimo di 250mila euro.

Per tutte le info sui bandi vai qui.

La documentazione è integralmente disponibile sui siti www.socialelazio.it e www.lazioeuropa.it.

 

 


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica