26 maggio 2015 Riqualificazione e formazione professionale: i tanti progetti per il lavoro Per sostenere chi ha perso il lavoro e aiutare le persone a trovare una nuova occupazione diamo opportunità concrete per i lavoratori e le imprese: dalla ricollocazione alla formazione on demand fino ai progetti per i giovani. Un esempio? La riforma dell’apprendistato, attesa da anni perché interviene sul presente e sul futuro di oltre diecimila ragazzi

di Daniele Autieri, La Repubblica, 26 maggio 2015

Oltre 6.000 lavoratori, 1211 aziende e un investimento regionale di 10,7 milioni di euro rinnovato il 9 aprile scorso con un nuovo bando e altri 5,5 milioni. Questa è solo una voce tra i tanti progetti di formazione professionale messi in campo negli ultimi mesi dalla Regione Lazio sulla spinta dell’assessorato al Lavoro guidato dall’assessore Lucia Valente. 

Si tratta, in questo caso, di percorsi formativi realizzati all’interno delle aziende di medie e grandi dimensioni e finanziati dalla Regione. Un’occasione che è stata colta al volo da molti gruppi industriali e realtà commerciali, come dimostrano due dei casi più significativi: i 3001avoratori formati per lavorare con la società Cinecittà Parchi ( quella che gestisce, tra l’altro, Cinecittà World), e i 120 impegnati invece nel settore turistico con Costa Crociere.

In particolare, il bando cosiddetto “on demand” per il quale la Regione ha stanziato altri 2 milioni di euro, è stato destinato alla formazione di inoccupati e disoccupati con l’obiettivo finale dell’assunzione. Interventi diretti e mirati, figli della nuova “legge sul sistema educativo di istruzione e formazione professionale” approvata dal consiglio regionale del Lazio il 1° aprile scorso.

Una riforma attesa da anni perché interviene sul presente e sul futuro di oltre diecimila ragazzi che frequentano i corsi del sistema regionale di istruzione e formazione. La nuova legge riconosce di fatto pari dignità alle istituzioni formative della regione e al sistema di istruzione superiore attraverso una serie di interventi come progetti personalizzati contro l’abbandono scolastico, l’inserimento di un quarto anno per i corsi degli istituti professionali regionali, l’introduzione di nuovi strumenti di valutazione sulla qualità e l’efficacia del sistema formativo e la certificazione delle competenze acquisite dai giovani.

Nella pratica, questo significa maggiori opportunità di trovare lavoro per i circa 10mila giovani che aderiscono alle scuole professionali della Regione. E questo il caso dell’Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini, istituita nel dicembre scorso per formazione giovani talenti nell’ambito del teatro, della musica e delle arti visive e multimediali. Il progetto, promosso in collaborazione con l’università Roma Tre e con il Conservatorio di Santa Cecilia, è destinato ai diplomati e prevede la selezione di 25 ragazzi per la musica, 25 per il teatro e 18 per il multimediale.

Ma non è tutto perché a quelli della formazione si aggiungono anche i progetti dell’apprendistato, un’altra novità approvata dalla Giunta regionale che prevede un sostegno ai piani di apprendistato dei giovani nelle imprese ai quali si aggiunge una regolamentazione che prevede ogni passaggio per favorire l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro.

 


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet