26 ottobre 2016 Terremoto: insieme ad Anac per garantire trasparenza e legalità nella ricostruzione La ricostruzione attiverà finanziamenti per 4,5 miliardi: ogni singolo euro deve essere speso a sostegno del ritorno della vita di Amatrice, Accumoli e degli altri luoghi del sisma. Per questo oggi abbiamo firmato insieme all’Anac il protocollo per il monitoraggio e la vigilanza sugli interventi di conseguenti al sisma: eliminare il rischio di possibili illegalità nella gestione della ricostruzione è un atto pensato innanzitutto per tutte le persone colpite

Uno strumento fondamentale per togliere ogni possibile ombra sulla ricostruzione nei territori colpiti dal sisma del 24 agosto: oggi, insieme all’Anac, l’Autorità Nazionale Anticorruzione, al Dipartimento della Protezione Civile e alle altre Regioni colpite abbiamo firmato un protocollo per il monitoraggio e la vigilanza collaborativa sugli interventi di emergenza conseguenti al sisma del 24 agosto 2016.

Ogni singolo euro deve essere speso a sostegno del ritorno della vita di Amatrice, Accumoli e degli altri luoghi del sisma. Come previsto dal Governo, la ricostruzione attiverà finanziamenti per 4,5 miliardi. Eliminare il rischio di possibili illegalità nella gestione della ricostruzione è un atto pensato innanzitutto per tutte le persone colpite.

Cosa prevede il Protocollo? Forme specifiche di collaborazione in relazione a tematiche di comune interesse per tutto quello che riguarda gli appalti pubblici nella fase emergenziale della ricostruzione post sisma 2016. In particolare, le Parti si impegnano a collaborare, per l’espletamento, da parte dell’Autorità, dell’attività di vigilanza collaborativa attraverso verifiche preventive.

Il Lazio esempio dell’efficacia della collaborazione con Anac. Sull’efficacia della collaborazione con Anac noi possiamo portare l’esempio positivo della Regione Lazio. Con il protocollo di vigilanza collaborativa firmato la prima volta nel febbraio 2015 siamo stati il primo ente in Italia ad avviare un accordo con Anac. Un’azione – seguita poi da molte altre amministrazioni – che ci ha aiutato moltissimo a rafforzare il “sistema immunitario” della Regione contro l’illegalità e la corruzione e che si è resa utile in tanti casi, come ad esempio  nell’acquisto dei 340 nuovi bus Cotral, delle nuove ambulanze dell’Ares 118 e  anche per quanto riguarda il cantiere del Policlinico Umberto I.

Oggi abbiamo un motivo in più per dire che vinceremo la sfida della ricostruzione.

 


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica