12 novembre 2010 Provincia libera dalle mafie

I Comuni del territorio della provincia di Roma si sono confrontati a palazzo Valentini sulle strategie comuni da mettere in campo contro le mafie. Parte così la campagna ‘Provincia libera dalle mafie’ lanciata da Nicola insieme al prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro.

L’obiettivo è quello di “mettere in comune esperienze e definire gli strumenti di azione nella lotta contro le mafie”.

“Sostenere ogni sindaco e ogni amministrazione – hanno scritto il prefetto Pecoraro e Nicola nella lettera inviata ai sindaci del territorio – in questo difficile compito, significa, infatti, estendere e radicare la rete della legalità sul territorio, per offrire un supporto essenziale al lavoro straordinario portato avanti, giorno dopo giorno, dalle forze dell’ordine e dai magistrati. Un impegno tanto più urgente – continua la lettera – anche nel territorio di Roma e provincia, per prevenire il rischio di una offensiva e di un radicamento delle organizzazioni mafiose nei nostri Comuni”

Proprio per prevenire l’infiltrazione della criminalità organizzata e delle mafie nei lavori pubblici la Provincia di Roma darà vita ad una stazione unica appaltante per le gare bandite dai Comuni del suo territorio. La struttura lavorerà in coordinamento con la Prefettura, si occuperà soprattutto dei capitoli d’appalto di proporzioni rilevanti. Sarà anche un punto di riferimento per fornire consulenza agli amministratori locali, redigere un capitolato unico per gli appalti, coordinare gli accertamenti.

“La stazione appaltante – ha spiegato Nicola – rappresenta un’opportunità che si offre ai Comuni rispetto al rischio di infiltrazioni mafiose nelle gare pubbliche, per avere maggiore controllo e trasparenza nelle gare”. “Poi – ha proseguito Nicola – ci sono anche altre iniziative che stiamo mettendo in campo. Nell’ambito della campagna per una cultura della legalità rientra l’impegno per il riutilizzo dei beni confiscati alla mafia e la necessità di formare gli amministratori locali affinchè si comprenda sempre meglio il fenomeno. La campagna si chiama ‘Provincia senza Mafie’ e vuole lanciare un messaggio forte: la mafia non può e non deve radicarsi sul territorio”.

Nicola ha sottolineato che “in una fase di crisi economica come questa chi come la malavita ha ingenti liquidità da investire può trovare un terreno fertile per infiltrarsi nel mercato. Occorre essere vigili e costruire un’economia sana e lavoro pulito. Proprio per questo lavoreremo con l’Agenzia per l’agenzia per i beni confiscati alle mafie per vedere come far rientrare nel circuito economico i patrimoni recuperati alla criminalità”.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet