4 dicembre 2015 Inaugurato anche il nuovo pronto soccorso del Gemelli Il pronto soccorso pediatrico, i nuovi percorsi dedicati alle emergenze e urgenze e agli infettivi gravi: anche al Gemelli tante novità per rimettere al centro le persone e rendere più veloce, più efficiente e più umano il sistema di presa in carico, assistenza e cura dei pazienti. I lavori sono stati conclusi in tempi record in 139 giorni

139 giorni per un nuovo gioiello della sanità del Lazio: oggi ho visitato il nuovo pronto soccorso del Gemelli di Roma, in questi giorni è stato un vero e proprio tour nei nuovi pronto soccorso che abbiamo consegnato in vista del Giubileo ma che resteranno anche dopo a disposizione di cittadini e pazienti. Ci dicevano “non ce la farete mai”, invece ci siamo riusciti, siamo intervenuti su strutture che aspettavano da anni di essere rinnovate. Qui al Gemelli si è lavorato giorno e notte, senza interruzioni, compresi i festivi. Non è vero che certe grandi imprese si possono realizzare solo negli altri Paesi.

In tutti i 12 ospedali nessun servizio è stato interrotto, neanche un giorno, nonostante i lavori.

Ecco gli interventi più importanti che abbiamo portato avanti al Gemelli:

Il Pronto Soccorso Pediatrico, di nuova realizzazione, dispone di una Camera Calda dedicata, Area Triage e Sala d’Attesa, una sala visita e una sala visita per pazienti infettivi e 2 posti letto OBI.

Pronto soccorso ed emergenza-urgenza. L’ingresso delle ambulanze e delle auto private alla camera calda del DEA del Gemelli è previsto con un percorso di facile accesso per favorire il deflusso dall’area di emergenza.

Le caratteristiche principali del nuovo dea e pronto soccorso. Percorsi dedicati per i casi più gravi (i codici rossi e gialli), un nuovo pronto soccorso per i pazienti pediatrici e per gli infettivi gravi; strutture a misura di paziente, che si vanno ad aggiungere a quella già operativa da qualche mese per le donne in gravidanza; inoltre un’area dedicata alle Maxi Emergenze con un piano di gestione che permette la rapida trasformazione degli spazi e delle attività in caso di straordinarie necessità.

L’interno della struttura è ripartito in ampie sale di cura per codice di accesso. L’Area a Maggiore Intensità, codici Gialli e Rossi, per i casi di particolare criticità e instabilità clinica, l’Area a Minore Intensità, codici Bianchi e Verdi, dove si effettua la visita medica dei codici a minore priorità, che costituiscono tuttavia la maggior percentuale di pazienti visti in un pronto soccorso, e l’area per l’Osservazione temporanea, denominata OBI, con 12 postazioni che accoglieranno pazienti che necessitano di uno stazionamento in pronto soccorso finalizzato alla conclusione delle indagini diagnostico-terapeutiche in fase di dimissione.

I numeri del cantiere. Il nuovo Pronto Soccorso del Gemelli è stato realizzato nel tempo record di 139 giorni lavorativi, festività comprese: inizio lavori lo scorso 18 giugno, fine lavori il 4 dicembre 2015. 60 le maestranze impegnate in un doppio turno di cantiere (7-16; 16-24); 320 le ore di lavoro notturne e 40 giorni di lavoro nei fine settimana; 15 i tecnici impegnati tra ingegneri e architetti e altri specialisti.

La persona al centro delle cure. Al di là dei numeri, la vera rivoluzione è nel modello di presa in carico e di assistenza. Tutte le risorse spese sono state utilizzate per rendere più veloce, più efficiente e più umano il sistema di presa in carico, assistenza e cura dei pazienti.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica