22 giugno 2015 Una nuova struttura di assistenza neuropsichiatrica per essere vicini a chi è più fragile Arriva dopo dieci anni d’attesa ed è un altro grande segnale di attenzione verso le fragilità psichiatriche. L’obiettivo è aumentare le possibilità di cura e reinserimento per le persone che soffrono di disagio psichiatrico. Non vogliamo lasciare indietro nessuno

Oggi dopo dieci anni di attesa causati da problemi burocratici abbiamo aperto a Roma una nuova struttura di assistenza neuropsichiatrica per sostenere tanti ragazzi e ragazze che hanno bisogno di aiuto, e che finora lo ricevevano solo grazie alla volontà di alcuni operatori. È un altro grande segnale di attenzione verso le fragilità psichiatriche che segue in breve tempo all’inaugurazione del nuovo centro per minori con emergenze psichiatriche all’Umberto I. La struttura sanitaria residenziale terapeutico riabilitativa si trova a Roma in  via Catacombe di Generosa, a Colle del Sole.

La sanità del Lazio sta cambiando: nuovi servizi più vicini alle persone. Il nostro obiettivo è garantire a tutti un’offerta sociosanitaria degna di una grande regione d’Europa. È un cambiamento che riguarda in particolare le aree caratterizzata dalle fragilità maggiori, come appunto il disagio psichiatrico.

Ecco tutti i servizi che offre la nuova struttura che abbiamo aperto oggi. Rientra in un progetto che stiamo costruendo e che ha come obiettivo la vera presa in carico delle persone in condizione di disagio psichiatrico. Si tratta di una Struttura Residenziale Terapeutico Riabilitativa con 16 posti letto per pazienti psichiatrici in fase di subacuzie che richiedono interventi di tipo terapeutico-riabilitativo: trattamenti di tipo relazionale farmacologico e psicoterapeutico. L’assistenza è garantita H24 da 4 tecnici della riabilitazione, un medico, uno psicologo, 2 Os e 6 infermieri. Verranno trattati preferibilmente giovani, orientativamente tra i 18 e i 35 anni, con possibilità di recupero e di reinserimento sociale

Rete territoriale dei servizi di neuropsichiatria per adulti. Procediamo con il riordino complessivo della rete e delle procedure per l’inserimento dei pazienti nelle strutture psichiatriche residenziali con dei piani di trattamento individuali, e individuando le tipologie di assistenza più appropriate. Finalmente portiamo ordine in un sistema sfilacciato, con regole incerte, in cui pazienti e famiglie rischiavano di perdersi.

Nuovi servizi per emergenza. Abbiamo colto il grido d’allarme lanciato dai direttori dei dipartimenti di salute mentale e stiamo ridefinendo i bacini di utenza per il ricovero ospedaliero secondo un criterio di territorialità più efficace.

Attenzione alla neuropsichiatria infantile e dell’adolescenza: uno dei settori che stiamo potenziando di più  è quello dell’infanzia e dell’adolescenza. Dobbiamo riuscire a individuare il prima possibile le situazioni di disagio psichiatrico, perché così aumentiamo le possibilità di cura e reinserimento. Per questo realizzeremo dei poli territoriali di neuropsichiatria infantile: uno per la città di Roma e uno per le provincie del Lazio “nord”, Viterbo e Rieti e uno per le province del Lazio “sud”, Frosinone e Latina.

Reti integrate per una serie di disturbi specifici. Stiamo predisponendo percorsi assistenziali integrati anche per la presa in carico e la cura di minori e adulti che soffrono di patologie legate all’alimentazione,  o al consumo di alcol o di stupefacenti.

Tutto questo si inserisce in un sfida più ampia che abbiamo lanciato: realizzare un modello di welfare socio-sanitario che non lasci indietro nessuno. Non possiamo più arrivare solo alla fine, quando c’è da riparare un danno.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica