3 giugno 2014 Omofobia: nel Lazio ci sarà il più grande piano italiano per le scuole Oggi abbiamo premiato i ragazzi e le ragazze delle scuole medie e superiori che hanno partecipato a ‘Laboratorio rainbow’ realizzando dei video contro omofobia e transfobia che sono straordinari, dietro ognuno di questi c’è un lavoro bellissimo fatto di discussioni e confronto

Oggi la Regione è stata invasa dalle ragazze e dai ragazzi delle scuole che hanno partecipato a progetti contro l’omofobia e per la memoria: sono bellissimi segnali, significa che finalmente la nostra istituzione sta tornando di chi deve essere, cioè delle persone, dei ragazzi e dei cittadini.

Oltre 400 studenti per il progetto anti-omofobia promosso dal Gay Center, ‘Laboratorio rainbow’. I ragazzi e le ragazze delle scuole medie e superiori hanno realizzato dei video contro omofobia e transfobia che sono straordinari: dietro ognuno di questi c’è un lavoro bellissimo fatto di discussioni e confronto. Sono in tutto 16 i corti che hanno partecipato al concorso.

Oggi abbiamo premiato i vincitori: il primo posto è andato a “Mai Mai”, il corto realizzato dai ragazzi del liceo Rousseau. Il secondo, invece, a “Stop Bulling”, che è stato realizzato dagli studenti della scuola media Moscati. Il terzo posto, infine, è andato ai ragazzi dell’istituto tecnico industriale Armellini, per “Talking Walls”.

La votazione online e la giuria. I corti sono stati votati on line da oltre 5 mila persone e visualizzatida oltre 40 mila. Oltre che attraverso il voto online, i corti sono stati valutati anche da una giuria di qualità composta da: Andrea Occhipinti, produttore, Ivan Cotroneo, scrittore e sceneggiatore, dalle star del web “The Pills”,dalla  cantante Baby K,  da Pier Ferrantini, cantante dei Velvet, dall’attrice Nina Torresi e da Teresa Manes, la madre di Andrea, il ragazzo che si tolse la vita nel novembre del 2011 al liceo Cavour proprio a causa degli attacchi omofobi dei suoi compagni di scuola.

Il più grande progetto in Italia contro l’omofobia nelle scuole. Lo lanceremo l’anno prossimo e il bando uscirà nei prossimi giorni. Vogliamo coinvolgere gli studenti di oltre 40 scuole in tutto il Lazio. Nessuno deve vivere nel timore di ciò che è. La radice della discriminazione è l’ignoranza e la scuola deve insegnare il rispetto di tutti.

Se vuoi vedere i video clicca qui.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet