27 ottobre 2015 Santo Spirito in Sassia: restituiamo alla comunità un patrimonio unico al mondo Siamo al lavoro per consegnare dopo anni alla città e ai turisti il complesso monumentale Santo Spirito, un luogo unico al mondo, un vero e proprio patrimonio. Investiamo 3,6 milioni di euro per il restauro di questa struttura così importante

Un nuovo polo museale nel cuore di Roma. Siamo al lavoro per  consegnare alla città e ai suoi visitatori il complesso monumentale Santo Spirito in Sassia, un luogo unico al mondo, con una serie di capolavori: dal ciclo di affreschi delle corsie sistine agli arazzi della Scuola di Bruxelles del XV secolo, dai resti villa di Agrippina alla Biblioteca Lancisiana. Per la sua valorizzazione chiamiamo a raccolta tutte le più importanti istituzioni culturali di Roma e del Paese.

Vanno avanti intanto i lavori di ristrutturazione del pronto soccorso dell’Ospedale S. Spirito, su cui abbiamo investito 1,5 milioni di euro, che consentiranno di triplicare la superficie dell’attuale pronto soccorso. E sono in corso anche, sempre con la Asl Roma E, anche i lavori sul complesso del S. Maria della Pietà, che ospiterà per il Giubileo l’Ostello di Roma.

Ecco cosa stiamo facendo per il complesso monumentale del Santo Spirito:

3,6 milioni di euro per il restauro di questa struttura così importante. La decisione di finanziare i lavori di restauro del complesso risale addirittura a 10 anni fa, il primo affidamento a 5: da allora, però, non era successo nulla, per questo ci siamo messi al lavoro fin da quando siamo arrivati per sbloccare la situazione per il recupero del complesso del S. Spirito. Ora finalmente siamo pronti a partire con un bellissimo progetto che arricchirà Roma.

Il futuro museo esporrà circa 400 pezzi tra ceramiche e vetri farmaceutici, arazzi, sculture e rilievi, circa 300 tra opere pittoriche, disegni e stampe, numerosi affreschi, grottesche e altre decorazioni pittoriche parietali. Immenso anche il patrimonio bibliografico, con 20mila volumi a stampa di cui circa 60 incunaboli, 2.000 cinquecentine e 374 preziosi manoscritti di epoche diverse,  oltre a 2 codici pergamenacei degli scritti di Avicenna e il famoso Liber Fraternitatis Sancti Spiritu.

I lavori termineranno tra un anno e mezzo, ma nel frattempo abbiamo voluto riaprire al pubblico la struttura: parte un servizio di visite organizzate che consentirà ai cittadini di Roma e ai pellegrini del Giubileo di ammirare e conoscere la storia uno dei luoghi più antichi e  belli della capitale. Le possibilità da sfruttare sono molteplici: i servizi educativi e didattici, la promozione della salute e del benessere, ricerca storico-artistica e scientifica e l’incremento del turismo sul territorio.

Qualche curiosità. Il Complesso Monumentale Santo Spirito in Sassia comprende il primo ospedale per anziani, infermi e bambini illegittimi e abbandonati dalle loro madri: fu costruito nel 1204 per volere di Papa Innocenzo III e costituisce il primo esempio di architettura civile rinascimentale a Roma.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica