12 giugno 2013 Non mi candido a segretario del Pd, il mio impegno è alla Regione Mi permetto di suggerire a tutti di ragionare più sulle idee e sulle proposte e meno sui posti da occupare e sugli organigrammi. Sono convinto che anche il vero tema del prossimo congresso non sia solo scegliere un nuovo segretario, ma rifondare una cultura politica in grado di conquistare il consenso del Paese

Sono Presidente del Lazio da tre mesi: per me è un onore servire questa Istituzione e voglio farlo con tutto il mio impegno perché, con il supporto di tantissime persone che hanno espresso il loro voto, abbiamo appena iniziato una sfida entusiasmante per risanare e rilanciare la seconda Regione d’Italia.

Per questo, anche alla luce delle indiscrezioni di stampa pubblicate in questi giorni, ribadisco che non è nei miei progetti candidarmi per un ruolo di segretario del Partito Democratico: compito nobile e appassionante, che tuttavia richiede una dedizione esclusiva.

Ovviamente, ribadisco anche che se, ci sarà da esprimere delle idee e da portare avanti una battaglia politica e culturale per innovare il campo delle forze progressiste e democratiche in Italia non mi tirerò certo indietro, perché sono convinto che sia venuto il tempo di cambiare, di fare chiarezza e di ricostruire uno spazio politico.

Mi permetto di suggerire a tutti di ragionare più sulle idee e sulle proposte e meno sui posti da occupare e sugli organigrammi. Sono convinto che anche il vero tema del prossimo congresso non sia solo scegliere un nuovo segretario, ma rifondare una cultura politica in grado di conquistare il consenso del Paese.

Comunque, grazie a tutti, e continuiamo così: meno parole, più vittorie


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
PUOI LEGGERE ANCHE
parajumpers outlet