19 aprile 2016 Gecoweb: lo sportello telematico unico ora per tutti i bandi Partito da febbraio, attraverso la sperimentazione di pochi bandi, Gecoweb ora diventa pienamente accessibile per imprese, singoli cittadini e a breve anche agli altri enti locali pubblici e di ricerca. In meno di due mesi 1800 persone fisiche e 392 imprese da tutta Italia si sono registrate su Gecoweb, cifra che è destinata a crescere notevolmente con l'aumentare dei bandi

di Luca Iezzi, La Repubblica, 19 aprile 2016

Un’autostrada informatica per rendere più accessibili 500 milioni di fondi regionali e europei. È quanto promette il nuovo strumento web messo a punto dalla Regione, attraverso la società in house Lazio Innova. Partito da febbraio, attraverso la sperimentazione di pochi bandi, ora diventa pienamente accessibile per imprese, singoli cittadini e a breve anche agli altri enti locali pubblici e di ricerca.

Il nome dell’applicazione è GeCoWeb, il prima del genere in Italia, che promette di velocizzare i tempi della burocrazia e già garantisce di abolire l’enorme mole di carta e di documentazione spesso ridondante che ogni soggetto è chiamato a produrre ogni volta che chiede del denaro per un progetto o un contributo per la propria impresa. «Ci sarà un effetto positivo anche per le casse regionali», spiega il direttore Andrea Ciampalini. «Finora il ricorso allo strumento telematico per i bandi regionali ed europei si concretizzava nei vari click-day che venivano affidati a società esterne con dei costi aggiuntivi. Ora con l’investimento iniziale di Gecoweb, quel tipo di affidamento non ci sarà più, abbiamo calcolato che dal ventesimo bando (Gecoweb ne gestisce già ora cinque ), il programma sarà completamente ammortizzato e produrrà risparmi in poco più di un anno».

 “Dematerializzazione” e tracciabilità. Gecoweb dialoga con le banche dati delle camere di Commercio, dell’Inps e dell’Inail, per accedervi le imprese dovranno dotarsi del “token” (la chiavetta identificativa) presso la propria camera di commercio e dopo la prima registrazione saranno per sempre riconoscibili anche sui bandi futuri senza doversi riaccreditare o dover presentare documentazione standard come il Dure che sarà recepito direttamente dalla banca dati dell’Inps, così come avverrà automaticamente una preverifica dei requisiti per la partecipazione al bando prescelto.

In meno di due mesi 1800 persone fisiche e 392 imprese da tutta Italia si sono registrate su Gecoweb, cifra che è destinata a crescere notevolmente con l’aumentare dei bandi. Gestire fondi per 500 milioni significa, secondo i calcoli di Lazio Innova, gestire domande di contributi per una cifra 3-5 volte superiore. Una volta presentata la domanda ogni rappresentante dell’impresa o dell’ente potrà monitorare lo stato della propria pratica in ogni momento, dal web, senza dover più rispettare orari di sportello o facendo ulteriore richieste, mentre “il fascicolo” sarà sempre ed esclusivamente elettronico.

Con l’andare del tempo Gecoweb fornirà alle amministrazioni anche dati sull’andamento dell’opera di sostegno all’economia fatta dalla Regione: dalla distribuzione per Comune, all’ammontare complessivo dei contributi ricevuti da una singola azienda o persona. Dati utili ad aumentare la trasparenza ed evitare abusi.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica