15 marzo 2011 Viva l’Italia

Ricordare le origini della nostra Nazione, conoscerne le figure chiave e gli eroi, ripercorrere i momenti decisivi della sua storia. La nostra memoria collettiva per guardare al futuro, è questo il filo conduttore delle iniziative della Provincia di Roma per i 150 anni dell’Unità d’Italia.

Tra queste, una mostra itinerante che viaggerà in dieci Comuni del territorio, un sito web e un gioco scaricabile come un’applicazione per il cellulare: un Trivial interattivo su cui misurare la propria conoscenza della storia italiana e che e permetterà ai più preparati di vincere un libro. L’esposizione è costituita da un allestimento di 15 pannelli mobili che ripercorrono “I giorni di storia”, “I fatti e gli eventi”, “Le idee e i protagonisti” e “Le carte storiche”. Tutti i contenuti della mostra finiranno su un sito internet e, tramite codice Qr, potranno essere letti da tutti i cellulari con fotocamera e smartphone con Qr reader.

Un programma di iniziative non solo per festeggiare una ricorrenza storica ma per contribuire a rinnovare il patto che ci fa sentire cittadini di un Paese unito. Per dire oggi, domani, sempre, viva l’Italia.

Bisogna riappropriarsi di un patrimonio condiviso di valori e identità indispensabili per guardare al futuro e vincere le sfide che ogni giorno siamo chiamati a superare. Per questo, celebrando un anniversario importante come i 150 anni dell’Unità d’Italia, abbiamo voluto rivolgerci innanzitutto ai giovani e abbiamo voluto far sentire tutto il nostro territorio parte di un percorso comune.

Il 25 novembre con la lezione di Giuliano Amato, presidente del Comitato dei garanti per le celebrazioni dei 150 anni dell’Unità, all’Auditorium, abbiamo aperto un ciclo di lezioni curato dal professor Gentiloni, che ha coinvolto oltre 900 studenti con lezioni tematiche e che ha dato avvio a un concorso tra le scuole per la realizzazione di diversi elaborati, come video, foto e siti internet. Le quattro scuole vincitrici sono state premiate: per 100 studenti ci sarà un viaggio a Torino dal 29 al 31 marzo per conoscere i luoghi del Risorgimento.

LE ALTRE INIZIATIVE: 

ITALIA A COLORI – NASCITA DI UNA NAZIONE – Palazzo Incontro ospita fino al 7 gennaio un viaggio nella storia d’Italia che raccoglie oltre 200 fotografie – tutte a colori, inedite – scattate tra il 1870 e il 1930. I luoghi, le persone, i paesaggi, la vita quotidiana degli italiani sono i soggetti principali di questo itinerario nel quale l’evoluzione e la sperimentazione delle tecniche fotografiche si incrocia con i cambiamenti rapidi e tumultuosi che l’Italia conobbe nel volgere di pochi decenni. 

PROGETTO DANTE – Una mostra dedicata al padre della lingua italiana. Un viaggio attraverso i secoli nelle edizioni della Divina Commedia raccolte nella più grande collezione privata di edizioni dantesche. Oltre mille volumi dalle prime edizioni del XVI secolo fino ad oggi. 

MUSEI IN PIAZZA – I musei della Provincia di Roma, scendono in piazza per mostrare i loro tesori , per organizzare laboratori e proporre iniziative. Riparte, sabato 19 marzo con la piazza Santa Maria di Segni, la quarta edizione dell’iniziativa ‘Musei in Piazza’. Il 17 aprile la manifestazione prosegue in Piazza Italia a Colleferro e il 15 maggio chiuderà gli appuntamenti la piazza Indipendenza di Zagarolo. Ricchissimi i programmi delle tre le tappe. Si va dall’esposizione della collezione di soldatini del 1860 alle visite guidate ai rifugi della II Guerra mondiale e ai siti archeologici classici e medioevali ancora poco conosciuti.

I POETI NOSTRI CONTEMPORANEI – Martedì 22 marzo in Aula Consiliare alle 19 Toni Servillo legge Giorgio Caproni, Patrizia Cavalli, Giovanni Giudici, Eugenio Montale, Pier Paolo Pasolini, Amelia Rosselli. L’introduzione critica sarà affidata ad Alfonso Belardinelli.

PALAZZO DELLA CULTURA E DELLA MEMORIA STORICA – Un’opera simbolo per continuare a celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia anche dopo questo anniversario. Dopo un lungo percorso di recupero e di restauro, il Casino seicentesco di Villa Altieri, acquisito dalla Provincia di Roma nel 1975, torna al suo splendore e apre al pubblico come nuovo ‘Palazzo della Cultura e della Memoria Storica’ della provincia di Roma. Il palazzo ospiterà l’archivio e la biblioteca della Provincia di Roma nella quale si ritrovano fondi e opere di altissimo valore; la Banca della Memoria, nata per mantenere viva e reale la voce dei protagonisti del Novecento del nostro Paese; i reperti archeologici della collezione Altieri e il fondo librario dantesco del Centro Pio Rajna; spazi per eventi culturali, mostre, convegni e un centro audiovisivo. 

E, intanto, per ricordare l’evento la Provincia ha posto un vessillo tricolore all’ingresso di palazzo Valentini che sarà esposto fino al 31 dicembre prossimo.


Tag: Blog
Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet