Differenziata per un milione di cittadini Quando siamo arrivati alla provincia di Roma, nel 2008, la raccolta porta a porta dei rifiuti coinvolgeva 29mila cittadini, oggi sono oltre un milione. I comuni della Provincia hanno ottenuto il più alto incremento di raccolta differenziata dal Dopoguerra a oggi. L’impegno alla Provincia di Roma ha dimostrato che puntare sulla differenziata è possibile, che si possono ottenere risultati straordinari in poco tempo, grazie alla collaborazione dei Comuni e alla partecipazione attiva dei cittadini



Quando siamo arrivati alla provincia di Roma, nel 2008, la raccolta porta a porta dei rifiuti coinvolgeva 29mila cittadini, oggi sono oltre un milione.

L’impegno alla Provincia di Roma ha dimostrato che puntare sulla differenziata è possibile, che si possono ottenere risultati straordinari in poco tempo e che i cittadini hanno voglia di impegnarsi attivamente per l’ambiente se le amministrazioni fanno la propria parte.

I comuni della Provincia hanno ottenuto il più alto incremento di raccolta differenziata che si sia mai registrato in un territorio dal Dopoguerra a oggi.



  • Siamo convinti che questa sia la strada giusta, anche perché l’aumento della raccolta differenziata comporterà un risparmio economico per l’amministrazione, nuovi incassi, produzione di posti di lavoro e l’apertura di un altri ciclo produttivo industriale sul verde e sul riciclo. Si può uscire dalla crisi migliorando il modello di sviluppo precedente.
  • Grazie a questo modello virtuoso, i Comuni potranno inoltre ridurre la tassa sui rifiuti anche del 10% perché spenderanno di meno per raccogliere l'organico

L’impegno per la differenziata è stato raccontato in un video dal popolare geologo e conduttore televisivo Mario Tozzi.



Questi risultati sono stati raggiunti anche incoraggiando i cittadini e le amministrazioni con competizioni che hanno stimolato il senso civico e di partecipazione.

Le Cartoniadi, ad esempio, hanno coinvolto oltre 300mila cittadini in 10 Comuni della provincia, con l’obiettivo di migliorare la qualità e la quantità della raccolta differenziata di carta e cartone.

Mentre il Bando 4R ha visto invece 11 Comuni della Provincia sfidarsi su chi avrebbe ottenuto i migliori risultati di raccolta differenziata domiciliare adottando anche iniziative volte alla prevenzione e alla riduzione dei rifiuti urbani. La Provincia ha messo a disposizione una somma di 240mila euro per i Comuni vincitori da reinvestire per azioni volte alla riduzione della produzione dei rifiuti o migliorative del servizio di raccolta porta a porta.


Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet